Due ragazze picchiate da un vicino di casa: 'Ci colpiva e urlava lesbiche di merda, fate schifo'

Le due, ferite insieme alla madre di una di loro, hanno presentato denuncia ai carabinieri

Le due ragazze - Foto La Gazzetta della Martesana

“Siamo state picchiate solo perché siamo lesbiche”. Inizia così il triste sfogo - raccolto dalla Gazzetta della Martesana - di Beatrice e Deborah, due fidanzate di Pozzuolo Martesana picchiate il 14 agosto scorso da un loro vicino di casa. 

Le botte - le due e la madre di una di loro sono finite al pronto soccorso - sono arrivate come epilogo di un rapporto di vicinato da sempre difficile, fatto di piccoli dispetti e insulti. 

La sera del 14 agosto, però, l’uomo potrebbe aver superato il limite. “Stavamo rientrando a casa dopo aver fatto la spesa - ha raccontato Deborah, ventinove anni, a La Gazzetta -. Abbiamo trovato i nostri oggetti lasciati sul ballatoio e spostati. Ho suonato al vicino dicendogli che se fosse capitato ancora lo avrei denunciato e quando mi sono girata per andarmene mi ha sferrato un pugno alla schiena e alla nuca”. 

Subito dopo, l’uomo si è scagliato contro la madre di Deborah, che era con la coppia e che ha provato a intervenire per difendere la figlia. Quindi, calci e pugni anche contro Beatrice, che fortunatamente è riuscita a schivare qualche colpo. “Ci ha urlato - l’amara ammissione della vittima - lesbiche di merda, fate schifo”. 

Le tre, ferite, hanno reagito e sono riuscite a fuggire: “Lui ci ha inseguito per le scale - ha ricordato ancora Deborah al quotidiano della Martesana -, ma alla fine ho chiuso il cancello tenendolo in modo che non potesse raggiungerci”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto, sono immediatamente intervenuti i carabinieri, che hanno identificato il presunto aggressore e raccolto le testimonianze delle vittime. Le due ragazze e la madre di Deborah sono invece state medicate in ospedale e poi dimesse senza, fortunatamente, gravi conseguenze fisiche.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autostrade, confermato lo sciopero domenica 9 e lunedì 10 agosto: le cose da sapere

  • Terrore in Duomo: uomo armato di coltello prende in ostaggio guardia giurata, arrestato

  • Disavventura per una famiglia di Milano, trova la casa delle ferie devastata e occupata

  • Coronavirus, tamponi e mini isolamento per chi torna da Spagna, Grecia, Malta e Croazia

  • Milano, violenta rissa in strada: il video choc dei residenti che seguono tutto dalle finestre

  • Milano, abbonamenti Atm: via ai rimborsi per le mensilità non utilizzate durante il lockdown

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento