rotate-mobile
i pro palestina

Lettura del Corano in Statale: la polemica sui social

Gli studenti di Unisì hanno organizzato un evento dedicato alla resistenza palestinese. Tra le iniziative, la lettura del Corano circondati da bandiere palestinesi

Un momento di lettura del Corano. È l’iniziativa di alcuni studenti dell’università Statale che hanno organizzato un momento speciale di lettura delle sacre scritture musulmane durante un'evento per trattare la questione palestinese. Il video è stato pubblicato anche dal leader della Lega Matteo Salvini che ha commentato: “In università a Milano leggono il Corano in arabo tra bandiere palestinesi. Vi sembra normale?”. Notizia ripresa anche da Il Giornale.

L’evento, che risale al 20 gennaio scorso, è stato promosso dall’associazione studentesca Unisì, gli studenti di sinistra, che hanno deciso di concentrarsi ancora una volta sulla situazione in Medio Oriente e, più precisamente, a Gaza. Pioggia di polemiche sulla manifestazione che è stata autorizzata dall’ateneo. In tanti hanno commentato il video negativamente: “Povera Italia”, scrive qualcuno. Altri hanno difeso il diritto di leggere le scritture di una religione che non sia quella cattolica perché l’Italia “è un paese laico”.

L'evento era intitolato “Una nuova visione sulla resistenza palestinese”, un momento di dialogo con diversi esponenti che si è tenuto sempre in Statale. “Come siamo arrivati alla situazione tragica in Palestina oggi? Com’è la vita a Gaza oggi? Com’era in passato? Cos’è la resistenza palestinese? Da chi è composta?”, scrivono gli attivisti di Unisì su Instagram.

Il video è stato diffuso dopo le recenti questioni che hanno interessato Sanremo, l’esposizione di alcuni cantanti in gara in favore della pace e di chi non si è vergognato, sul palco dell’Ariston, di gridare “Stop al genocidio”. Durante il festival, infatti, il capo della comunità ebraica di Milano, Walker Meghnagi, ha accusato Ghali di aver portato in gara una canzone offensiva nei confronti degli ebrei e di quel 7 ottobre scorso. "Il frammento video con la lettura del Corano, rilanciato anche dal Ministro Salvini, è stato malignamente estrapolato e rilanciato, ma è stato solamente un minuto sulle due ore di evento dedicato alla comprensione delle scritture sacre per comprendere meglio la cultura araba", hanno spiegato gli attivisti di Unisì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettura del Corano in Statale: la polemica sui social

MilanoToday è in caricamento