Tabacci pronuncia la condanna di Linate: "Deve ridimensionarsi"

Secondo l'assessore è necessario per "salvaguardare l'equilibrio economico di Sea", che resta destinata a passare sotto il controllo del fondo f2i

L'aeroporto di Linate

E' forse la prima volta che un amministratore del comune di Milano si esprime a favore di un ridimensionamento di Linate. Lo ha fatto Bruno Tabacci, assessore al bilancio, anche se in realtà questa sua idea non è nuova. L'ha comunque ribadita nella mattinata di venerdì, spiegando che va guardato "l'interesse generale anche se a qualcuno a cui piace usare Linate può dispiacere".

Finora la "linea" dei sindaci e degli assessori milanesi era sempre stata quella di salvaguardare il più possibile il dualismo Linate-Malpensa, in considerazione dell'estrema vicinanza dello scalo Forlanini col centro città. Litigando anche duramente con le autorità nazionali, con Fiumicino o con Alitalia, a seconda dei momenti. E in effetti non pochi, all'epoca del salvataggio della compagnia di bandiera, avevano sottolineato come la riduzione dell'operatività di Linate era o sembrava necessaria per contenere al massimo i costi d'esercizio.

Ora il tema sul piatto è l'ulteriore cessione di quote Sea, dopo il 29% venduto al fondo f2i. Se la proprietà di Sea diventasse privata, è chiaro l'interesse a una completa razionalizzazione degli scali milanesi con conseguente e inevitabile declassamento di Linate a scalo nazionale o, addirittura, a scalo che serve la sola tratta Milano-Roma, dove resta essenziale la vicinanza con il centro città per fronteggiare la concorrenza del Frecciarossa e, ora, anche di Italo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tabacci prova a metterla sull'interesse pubblico: "L'interesse del comune - ha spiegato venerdì mattina - è che il valore di Sea sia salvaguardato perché l'efficienza aziendale è quella che tutela i posti di lavoro". Come a dire che, per tenere in piedi Sea, bisogna ridimensionare Linate. A questo punto il destino del Forlanini sembra segnato

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un pullman di linea: turista milanese muore sul Lago Maggiore

  • Lotto, doppia vincita record a Cassano Magnago: due quaterne da oltre 400mila euro

  • Coronavirus, la Lombardia cambia le regole: nuove norme per obbligo mascherine e mezzi pubblici

  • Milano, "blitz" del maltempo: attesi temporali forti, scatta l'allerta della protezione civile

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

  • Hostess con febbre sul Ryanair Milano-Catania: paura per il covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento