rotate-mobile
Cronaca piazza scala

Scala, Lissner confermato fino al 2017: e si riduce lo stipendio

Decurtato del 10% anche il cachet di Barenboim e di altri 11 dirigenti del teatro. E per la consulenza legale arriva Pietro Ichino

Stephane Lissner sarà sovrintendente della Scala per altri cinque anni. Arrivato nel 2005 in un momento piuttosto burrascoso dopo l'addio di Riccardo Muti, Lissner negli anni si è fatto molto apprezzare dagli "addetti ai lavori": e lunedì mattina il consiglio d'amministrazione gli ha rinnovato l'incarico fino al 2017. Novità invece per la consulenza legale: ad affiancare Lissner in questo campo sarà Pietro Ichino, docente di diritto del lavoro in Statale e senatore del Partito democratico.

Si è anche saputo che sia Lissner sia il direttore musicale Daniel Barenboim hanno accettato di decurtarsi lo stipendio del 10%: la stessa cosa per gli altri 11 dirigenti del teatro. Secondo lo stesso Lissner, "dev'essere visto come un gesto spontaneo e volontario" di fronte alla situazione non brillante in cui versano i conti della Scala.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scala, Lissner confermato fino al 2017: e si riduce lo stipendio

MilanoToday è in caricamento