Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca Porta Nuova / Via Montebello

Litiga con un conducente ncc e poi rompe una costola ad un poliziotto con una ginocchiata

Indagato a piede libero un giovane romano di venticinque anni: succede vicino alla questura

La questura

Dopo aver vagato per la città a bordo di un'auto noleggiata con conducente (ncc), rifiutandosi di pagare; dopo aver insultato e picchiato tre agenti di polizia, uno dei quali ha riportato la frattura di una costola; dopo aver fatto tutto questo con tre grammi e mezzo di marijuana in tasca: è stato denunciato a piede libero con l'accusa di resistenza, lesioni, minaccia e oltraggio a pubblico e detenzione di stupefacenti. Nonostante i suoi precedenti penali.

Teatro delle sceneggiate 'andate in onda' domenica mattina sono le strade attorno alla questura di Milano, protagonista - oltre agli agenti feriti e al conducente nnc - è un ragazzo italiano di venticinque anni.

La storia comincia nelle mattinate di domenica. Sull'auto di un conducente ncc salgono due ragazzi giovani, visibilmente esaltati dai bagordi della nottata precedente. Si fanno portare in giro per la città. In maniera casuale, senza una vera meta, tanto da esasperare il conducente, un italiano di cinquantaquattro anni, che decide di farsi dare i soldi in anticipo. I ragazzi, uno in particolare visto che l'altro, un trentaduenne, è fisicamente crollato, si rifiuta di pagare. A quel punto l'uomo ferma l'auto davanti all'ingresso posteriore della questura, in via Montebello, per chiedere aiuto alla polizia.

Il passeggero inizia a inveire contro i poliziotti. Si vanta dei suoi precedenti penali e urla di non avere paura. Quando gli agenti provano a fermarlo, lui scappa in direzione via Turati, poi svolta verso piazzale Donegani. Lì viene raggiunto da un capoguardia e due agenti dell'ufficio immigrazione che lo bloccano dopo una colluttazione con ginocchiate, calci e pugni. Uno dei poliziotti riporta una frattura all'ottava costola sinistra e una contusione alla spalla destra, venticinque giorni di prognosi al Fatebenefratelli. Gli altri due riportano lesioni minori con cinque giorni di prognosi ciascuno.

Chiuso all'interno di una stanza in questura il giovane, nato a Roma, continua a insultare i poliziotti. Poi passa ai gesti di autolesionismo. Alla fine viene portato al Fatebenefratelli per un Trattamento sanitario obbligatorio (tso) e denunciato.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Litiga con un conducente ncc e poi rompe una costola ad un poliziotto con una ginocchiata

MilanoToday è in caricamento