La Lucarelli condannata per diffamazione in primo grado: vittima Barbara D'Urso

La decisione del tribunale di Milano. La blogger: "Ricorrerò in appello. Diritto di satira sempre"

La Lucarelli

Selvaggia Lucarelli, scrittrice e web star, è "colpevole del reato di diffamazione aggravata ai danni di Barbara D'Urso", per un post pubblicato nel 2014 su alcuni social network (Twitter e Instagram) in cui l'editorialista de Il Fatto - commentando un'intervista resa dalla d'Urso a Daria Bignardi - aveva affermato: "L'applauso del pubblico delle Invasioni alla d'Urso ricordava più o meno quello alla bara di Priebke". Lo ha stabilito martedì il tribunale di Milano, sezione X penale, in composizione monocratica. Lo fa sapere in una nota il legale della D'Urso ripresa dall’Ansa.

"Il tweet, ultimo di una serie di commenti al vetriolo e sovente di pessimo gusto - afferma il legale della conduttrice di Canale 5 - aveva indotto Barbara d'Urso a sporgere una querela. Barbara d'Urso aveva evidenziato come il commento della Lucarelli fosse gratuitamente offensivo, basato su fatti falsi e manifestamente incontinente, travalicando i limiti della libera manifestazione del pensiero per ledere direttamente l'altrui reputazione". "Il tribunale ha condannato Selvaggia Lucarelli a 700 euro di multa, oltre al risarcimento del danno e alla rifusione delle spese legali sostenute dalla persona offesa. Il giudice - rileva ancora il legale di Barbara D'Urso - ha dunque colto la falsità del fatto posto alla base dell'affermazione offensiva (”l'applauso di cui trattasi era obiettivamente caloroso”) e la conseguente gratuità e strumentalità dell'attacco della Lucarelli".

"Leggo di condanne, risarcimenti, mancate scuse (?!), beneficenza. Per la cronaca, è il primo grado e non ho dovuto liquidare la somma, ricorrerò in appello. Ci aggiorneremo", ha scritto la Lucarelli su Twitter. Poi, postando la foto di una battuta di Spinoza sulla D'Urso, ha ribadito: "Sarò sempre ben lieta di difendere in tribunale e altrove il diritto di satira, di cui la D'Urso è bersaglio (e non solo mio, ovviamente) come tutti i personaggi noti. Anche a mie spese. Detto ciò, di battute così è piena la storia, è pieno il web. E appello sarà".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perché si parla di diffamazione aggravata Facebook è un mezzo di diffusione ma non è stampa, sicché alla diffamazione ivi commessa è applicabile l'aggravante della diffusione attraverso un qualsiasi mezzo di pubblicità (articolo 595 comma 3 Codice penale), ma non quella dell’attribuzione di un fatto determinato con il mezzo della stampa (articolo 13 legge 47 del 1948). Questo è quanto stabilito dalla quinta sezione penale della Cassazione, con sentenza n. 4873 depositata il 1° febbraio 2017.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Non è affatto detto che Milano torni a essere quella di prima

  • Rapinatore bloccato con un pugno in faccia da un passeggero: fermato e liberato 24 ore dopo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento