Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

Macchinisti ubriachi, Frecciarossa Brescia-Napoli soppresso e passeggeri portati a Milano

Il capotreno si è accorto dello stato d'ebbrezza dei due e ha chiamato la polizia ferroviaria

Un Frecciarossa è stato soppresso perché i due macchinisti, ubriachi, non erano in condizione di garantire la necessaria sicurezza. Per fortuna, quel treno non è nemmeno partito dalla stazione di Brescia e questo ha evitato possibili conseguenze negative per i passeggeri.

Si tratta del Frecciarossa 9604, da Brescia a Napoli (con fermate a Milano Centrale, Reggio Emilia Av e Roma Termini), delle 5.17 del mattino. I passeggeri sono stati portati a Milano con un convoglio regionale e, da lì, fatti salire su un altro Frecciarossa per il capoluogo partenopeo.

Ad accorgersi della condizione dei macchinisti è stato il capotreno, che alla stazione di Brescia non è fisicamente riuscito a salire sul convoglio perché i due non aprivano le porte. Così ha fatto intervenire la polizia ferroviaria che ha accertato le condizioni degli uomini: un 35enne ed un 21enne.

Tasso alcolemico fuori norma

Il primo aveva un valore all'alcoltest decisamente alto: 1,95. Il secondo ha chiesto lui stesso di farsi portare al pronto soccorso per essere visitato. L'episodio viene reso noto dalla polizia ferroviaria e da Trenitalia. L'azienda in particolare parla di «controlli preventivi e a sorpresa» per gli equipaggi e specifica che i passeggeri (67 in tutto) non sono nemmemo saliti a bordo di quel treno, che dopo le verifiche della polfer è stato soppresso.

Ora la polizia ferroviaria valuterà la situazione per i due macchinisti, mentre Trenitalia si riserva di prendere provvedimenti disciplinari nei loro confronti. La stessa Trenitalia aggiunge che un simile episodio «non si era mai verificato».
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Macchinisti ubriachi, Frecciarossa Brescia-Napoli soppresso e passeggeri portati a Milano

MilanoToday è in caricamento