Cronaca

Milano, no alle “grandi” moschee ma si ai piccoli centri di culto

La maggioranza ha deciso che Milano ha bisogno di luogo di culto per i musulmani: non una grande moschea come Roma, ma piccoli centri disseminati sul territorio. Per Palazzo Marino è però necessaria la regolamentazione delle attività di questi posti a livello nazionale

Sul tema delle moschee si è tenuto ieri in Comune un incontro del gruppo consigliare e degli assessori del Pdl.

Da questa riunione è emersa la necessità per Milano di avere una moschea e di mettere a punto una delibera che individui i criteri urbanistici delle aree dove potrebbe sorgere questo luogo di culto.

L’idea della maggioranza non è comunque quella di costruire un grande luogo di culto musulmano, come è successo a Roma, ma di istituire piccoli centri di preghiera disseminati sul territorio e lontani dai quartieri residenziali.

“Il gruppo del Pdl ha condiviso unanimamente la necessità che in città sorgano luoghi di culto islamico. Il problema c'é e deve essere affrontato, ma la soluzione non può essere una grande moschea che diventerebbe un polo di attrazione di tutti i musulmani del Nord Italia ma più luoghi di culto” ha spiegato il capogruppo del partito Giulio Gallera.

“Impossibile dire adesso quanti saranno i centri di preghiera  saranno tanti quanti saranno i soggetti capaci di avanzare proposte concrete” ha spiegato Aldo Brandirali del Pdl.

Il Comune poi si è impegnato a chiedere al Governo nazionale una legge nazionale che regolamenti le attività all’interno della moschea.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, no alle “grandi” moschee ma si ai piccoli centri di culto

MilanoToday è in caricamento