Cronaca

Picchia il cane, ma il testimone "non si ricorda". Assolta

Assolta "per non aver commesso il fatto". Una 34enne, accusata di aver pestato il proprio cane completamente drogata, è stata "graziata": il testimone non "si è ricordato nulla"

Un basset hound

Dopo quattro udienze e dopo la deposizione di un testimone - che doveva essere fondamentale per l'accusa, ma che poi in aula ha detto di non ricordarsi nulla - é stata assolta "per non aver commesso il fatto" una donna che era stata portata a processo davanti al giudice monocratico della terza sezione penale di Milano per aver maltrattato il suo cane in strada "tanto da farlo guaire".

La donna, Nina L., 34 anni, era finita 'alla sbarra' e rischiava una condanna fino a un anno di reclusione perché accusata di aver preso a calci il suo cane. Era stata denunciata da una passante, la quale però, chiamata a deporre in aula, non ha saputo raccontare nulla dei presunti maltrattamenti. Il 20 novembre 2010, secondo il capo di imputazione, la donna "in stato di ebbrezza alcolica e da sostanza stupefacente, strattonava violentemente con il guinzaglio il cane di sua proprietà di razza basset hound, di piccola taglia, colpendolo ripetutamente, senza necessità, con calci all'addome tanto da farlo guaire".

Dopo la denuncia era stato incardinato un processo, durato quattro udienze, per il reato di maltrattamento di animali, introdotto nel codice penale nel 2004. Venerdì 13 aprile l'assoluzione per l'imputata, assistita dai legali Eugenio Losco e Mauro Straini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia il cane, ma il testimone "non si ricorda". Assolta

MilanoToday è in caricamento