Botte dal compagno, mamma e bimba rifugiate in ospedale per non tornare a casa

La donna, originaria del Milanese, a novembre era andata a convivere con l'uomo a Pavia, dove sono avvenute le violenze

Repertorio

Dopo le violenze del compagno, da una settimana una mamma è rifugiata insieme alla figlia di 8 anni nel reparto di pediatria dell'ospedale San Matteo di Pavia. Nel frattempo la donna ha sporto denuncia contro il convivente per aggressione e minacce.

La madre, vedova di 43 anni, originaria del Milanese, a novembre era andata a Pavia a convivere con il compagno, 47 anni, che conosceva da anni. Ma i continui litigi - riferisce la Provincia pavese - sono diventati via via più violenti, tanto che a Ferragosto le volanti della polizia erano dovute intervenire in casa due volte.

Nell'ultimo caso la 43enne ha riportato una ferita alla mano ed è stata accompagnata in ospedale insieme alla sua bambina, che era spaventatissima. Al pronto soccorso la donna è stata curata e poi dimessa con una prognosi di 15 giorni, ma invece di tornare a casa, si è trasferita nel reparto di pediatria. I magistrati, infatti, hanno stabilito che la bimba resti in ospedale, sorvegliata dalla madre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Torna su
MilanoToday è in caricamento