Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Dieci anni di carcere per il maniaco dell'ascensore: abusò di una 13enne nell'androne

L'uomo si costituì sentendosi braccato: 150 poliziotti erano a caccia di lui nel suo quartiere

Un'immagine di Edgar Bianchi

Arrestato dopo avere abusato di una ragazza di 13 anni nell'androne di un palazzo in via Rubens, il "maniaco dell'ascensore" è stato ora condannato con rito abbreviato a dieci anni di reclusione. Si tratta di Edgar Bianchi, quarantenne, con circa venti violenze sessuali a Genova e una condanna a dodici anni, di cui otto scontati, fino al 2014. 

L'abuso nei confronti della 13enne è del 27 settembre 2017. Gli investigatori si sono messi sulle sue tracce a partire da un dettaglio fisico e hanno individuato, con le telecamere di sorveglianza di Atm e quelle posizionate in strada, il percorso fino al quartiere San Siro, non lontano dal palazzo in cui aveva colpito.

Ne è seguito uno straordinario spiegamento di forze dell'ordine tra piazzale Segesta e piazzale Selinunte, con circa centocinquanta poliziotti alla caccia del maniaco seriale. Bianchi, sentendosi braccato, si è costituito. Il pubblico ministero ha chiesto per lui nove anni e quattro mesi per violenza sessuale aggravata dall'età sotto i 14 anni della vittima e dalla recidiva reiterata. Il giudice dell'abbreviato ha deciso di inasprire la pena fino a dieci anni. 

Bianchi, da quando si è costituito, chiede di venire aiutato. Ha descritto la sua come una "vita normale con una fidanzata" dopo la scarcerazione da Genova, ma ha ammesso di essere poi "ripiombato nell'incubo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dieci anni di carcere per il maniaco dell'ascensore: abusò di una 13enne nell'androne

MilanoToday è in caricamento