Milano, manifestazione (non autorizzata) contro il Dpcm: organizzatori diffidati

Gli organizzatori hanno attirato l'attenzione della Questura che li ha diffidati. Ecco cosa sta accadendo

La manifestazione del 26 ottobre (foto Guarino)

Una manifestazione (non autorizzata) contro il Dpcm varato dal governo Conte per fermare l'aumento dei casi di coronavirus (che nella giornata di mercoledì in Lombardia ha sfondato quota 7.500 casi). È quello che sta organizzando il "Movimento Imprese Italiane" attraverso Facebook per il pomeriggio di giovedì 29 ottobre. Una protesta che, dopo i disordini di lunedì 26 ottobre ha attirato l'attenzione delle forze dell'ordine.

Da via Fatebenefratelli fanno sapere che la questura di Milano "ha diffidato gli organizzatori dal porre in essere la manifestazione". Secondo quanto trapelato gli organizzatori si sarebbero dati appuntamento in una importante arteria stradale dell'hinterland milanese per poi effettuare "un corteo guidato con ogni mezzo disponibile".

Chi c'è dietro la manifestazione del 29 ottobre

Sul gruppo Facebook che sta organizzando la manifestazione non ci sono immagini ufficiali di partiti politici, ma ci sono molti tricolori su sfondo nero. In pratica c'è "aria" di estrema destra. Gli utenti del gruppo si definiscono "imprenditori, commercianti, partite iva, lavoratori autonomi, dipendenti e professionisti". Il minimo comun denominatore è uno solo: il malcontento per le misure varate dal governo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento