Antagonisti e centri sociali contro Fontana: "Attento, fischia il vento". Tafferugli

I manifestanti hanno cercato di andare verso il Pirellone

Momenti di tensione e brevi tafferugli con la polizia, in serata, davanti al Pirellone. Manifestanti dei sindacati di base e dei centri sociali riuniti sotto il Palazzo di Regione Lombardia hanno chiesto di fare un corteo, cosa vietata. Di fronte a loro, un cordone di polizia e carabinieri con caschi e scudi che hanno cercato di disperderli. Le misure di sicurezza per il contenimento al coronavirus al momento impediscono cortei consentendo solo presidi. I manifestanti, oltre 600, sono assembrati e vicinissimi alle forze dell'ordine a cui gridano: "Voi siete onesti fateci passare. Abbiamo il diritto di manifestare". Gli antagonisti hanno anche intonato "Fontana, attento, fischia ancora il vento", ricordando la canzone dedicata ai partigiani. I manifestanti si sono poi spostati in via Gioia e poi in piazzale Lagosta.

La protesta è contro la gestione della sanità lombarda. Tante le bandiere in piazza, tra Cobas, Fronte popolare, Cub, Partito della Rifondazione Comunista, ma anche lavoratori di alberghi, di Rsa, operatori sociali. Tra loro anche alcuni esponenti dei Carc, il partito dei Comitati di Appoggio alla Resistenza per il Comunismo che ha rivendicato la scritta "Fontana Assassino" in zona Crescenzago. Per la loro presenza  è stato chiuso il tratto di via Melchiorre Gioia fra via Galvani e via Pirelli.

Oltre alla gestione dell'emergenza coronavirus in Lombardia "chiedono spiegazioni di tagli alla sanità, della sicurezza sul lavoro, dei tamponi non fatti. Facciamoci sentire da Fontana che ha giocato sulla vita di migliaia di persone", dicono gli organizzatori dal piccolo palco organizzato sulla piazza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Molteni (Lega): "Lamorgese non ha nulla da dire?"

"Il Partito dei Comitati di Appoggio alla Resistenza per il Comunismo (Carc), che ha rivendicato gli insulti ad Attilio Fontana, sta manifestando sotto la sede di Regione Lombardia insieme ad altri estremisti di sinistra. Solidarietà al presidente, che per l’odio scatenato nei suoi confronti si è visto assegnare la scorta. Il ministro dell’Interno ha qualcosa da dire? È tutto normale che chi definisce “assassino” Fontana possa manifestare impunemente sotto gli uffici di Fontana? Il Pd vuole commissariare la sanità lombarda esattamente come dicono i signori del Carc: è in imbarazzo, almeno un po’?". Lo chiede il deputato leghista Nicola Molteni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino contagi coronavirus: a Milano trovate sei persone positive, 16 nella città metropolitana

  • H&M chiude a Milano, lavoratori trasferiti ad Ancona (e non solo): "Non ci fanno rientrare"

  • Angela, la 18enne di Milano morta in un incidente durante le vacanze a Genova

Torna su
MilanoToday è in caricamento