rotate-mobile
Cronaca Sempione / Corso Sempione

Protesta pro Palestina sotto la Rai a Milano: macerie e bambole insanguinate, poi il corteo

La protesta nel pomeriggio di mercoledì in corso Sempione. Manifestanti in corteo

Cori, fumogeni, slogan contro Israele. Poi il corteo. Manifestazione pro Palestina mercoledì pomeriggio fuori dalla sede Rai di corso Sempione. Alla "chiamata", lanciata dal centro sociale Cantiere e dai giovani Palestinesi, hanno risposto circa un migliaio di persone, che si sono poi mosse in corteo, improvvisato, verso il vicino Arco della Pace.

Nel mirino dei manifestanti, come spiegato in una nota, "un clima di censura e terrore che ha dell'incredibile", reso evidente dal tentativo - secondo gli organizzatori della protesta - di censurare il cantante Ghali dopo il suo "Stop al genocidio" detto sul palco di Sanremo. "L'amministratore delegato della Rai decide quindi di far leggere un comunicato in risposta alle parole degli artisti che si sono timidamente espressi contro la guerra. Un comunicato servile e negazionista che ribadisce la vicinanza a uno Stato genocida che in queste ore ha deciso di bombardare Rafah, dove più di un milione di persone è stato costretto a rifugiarsi scappando dalle bombe e dalla fame imposta da Israele", spiegano ancora gli attivisti. 

"Sul genocidio in corso i mass media italiani non solo hanno espresso un silenzio assordante, ma hanno anche continuato a diffondere propaganda e non informazione, hanno accettato il bavaglio imposto da Israele, da Eni, da Leonardo e da quell'1% della popolazione mondiale che continua a vivere sulla morte di intere popolazioni. E proprio dopo aver detto che a Sanremo si fa solo musica, per difendere l'oppressore si esprime solidarietà a Israele e si silenzia il genocidio del popolo palestinese", concludono. 

I manifestanti, oltre ad aver intonato alcuni cori contro Israele, hanno lasciato dei volantini ed esposto lo striscione "Stop al genocidio, non ci censurerai", con la parola "Rai" evidenziata in caratteri blu. Gli attivisti, dopo aver urlato "vergogna" e "siete complici", hanno gettato a terra delle finte macerie e dei pupazzi insanguinati, proprio di fronte all'ingresso. Quindi sono partiti in corteo nel controviale di Sempione girando "attorno" alla Rai con direzione l'Arco, con qualche disagio al traffico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta pro Palestina sotto la Rai a Milano: macerie e bambole insanguinate, poi il corteo

MilanoToday è in caricamento