Cronaca

Marcia Islam in piazza Duomo annullata. Piccardo: "Strumentalizzazioni"

Piccardo (Sel) liquida sui giornali la "marcia degli islamici in piazza Duomo": "Era solo un volantinaggio, cancellato per il clima che c'è". E Massarotto (Naga) annuncia una denuncia a Pdl e Lega da parte dei cittadini musulmani

"Sparate, strumentalizzazioni": così Davide Piccardo, candidato di Sel e figlio del portavoce dell'Ucoii Roberto Hamza Piccardo, ha liquidato i titoli dei giornali su una marcia degli islamici a piazza Duomo per Giuliano Pisapia. 

"ERA SOLO UN VOLANTINAGGIO" - "Ho già chiarito che era un volantinaggio fatto da un comitato, musulmani per Pisapia, che esiste da tre anni - ha spiegato - ed è stato annullato per il clima che c'é ed evitare preoccupazioni". "Non era una manifestazione rivendicativa ma una iniziativa per dire che siamo persone normali che partecipano in modo normale - ha aggiunto -. Mi sarei aspettato più solidarietà". Secondo Piccardo, infatti, "c'é un attacco feroce della destra e il silenzio inquietante di tutto il resto della società". I rappresentanti della Chiesa "sono gli unici a prendere una posizione chiara". All'arcivescovo di Milano, il cardinale Dionigi Tettamanzi "riconosciamo - dice - il ruolo di difensore dei diritti senza la paura che caratterizza altri".

"DENUNCIA PER LE DISCRIMINAZIONI" - "Di fronte al contenuto altamente discriminatorio dei manifesti e delle dichiarazioni di questi giorni nei confronti dei Rom, una minoranza protetta ex lege e dei cittadini italiani e stranieri di fede musulmana, abbiamo presentato stamani un ricorso al Tribunale Civile di Milano contro la Lega Nord e il Popolo della Libertà": è quanto ha annunciato l'avvocato Pietro Massarotto, presidente del Naga, associazione che si occupa dal 1987 di tutelare i diritti di tutti i cittadini stranieri presenti in Italia. "Abbiamo denunciato il linguaggio e i contenuti altamente discriminatori delle affissioni e delle dichiarazioni, ma anche il fatto di aver utilizzato l'esistenza stessa di cittadini stranieri e Rom come fattore di paura sociale", ha proseguito il presidente del Naga, che ha chiesto al giudice "con provvedimento di urgenza, la rimozione dei manifesti e la cancellazione dai siti di queste inaccettabili dichiarazioni".

SPOT LEGA NORD: "MILANO DIVENTERA' LA CITTA' DELLE MOSCHEE"

BERLUSCONI: "CON PISAPIA SARA' ZINGAROPOLI"

SHAARI: "SE SI' ALLA MOSCHEA, MI AUGURO VINCA PISAPIA

LA CEI: "SI' ALLA MOSCHEA, MA CON RISPETTO REGOLE"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marcia Islam in piazza Duomo annullata. Piccardo: "Strumentalizzazioni"

MilanoToday è in caricamento