menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine repertorio

Immagine repertorio

Buccinasco, prende a martellate la moglie e finisce a processo per tentato omicidio: libero

L'anziano, 88 anni, è risultato incapace di intendere e volere al momento dei fatti

Aveva preso a martellate la moglie 82enne ed era stato arrestato con la pesante accusa di tentato omicidio. Era accaduto a Buccinasco il 29 aprile 2020, in pieno lockdown, ma nelle scorse ore l’autore del fatto, un anziano di 88 anni, è tornato libero. L. M., difeso dall’avvocato Lara Andrea Rigamonti, è risultato incapace di intendere e di volere al momento dei fatti e quindi non imputabile.

La perizia effettuata prima della sentenza, infatti, aveva stabilito un disturbo neuro cognitivo, con alterazione del comportamento. Tale circostanza, sussistente all’epoca dei fatti, costitutiva una infermità grave, tale da escludere la sua capacità di intendere e di volere. E così il giudice Anna Magelli ha prosciolto l’anziano.

Prende a martellate la moglie: l’aggressione

Tutto era accaduto all’alba di mercoledì 29 aprile in un appartamento di via 1° maggio a Buccinasco. L’aggressione, più nel dettaglio, era avvenuta al culmine di una lite tra i due coniugi. Soccorritori e carabinieri avevano trovato l'anziana con diverse ferite al volto, oltre a una frattura a un polso, e l’avevano trasportata all'ospedale Niguarda di Milano in codice rosso: le sue condizioni erano gravi, ma fortunatamente si è ripresa con il passare dei mesi. Anche l’88enne era finito in ospedale a causa di una ferita alla testa che si era auto inflitto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento