Cronaca

"Volevamo guardare l'alba". Poi crolla tutto. E il buio

I due ragazzi, caduti da un tetto di una cartiera abbandonata sulla Paullese, stavano "guardando l'alba". Per Matias, 23 anni, non c'è stato nulla da fare

Matias in un'immagine sul suo profilo MySpace

"Volevamo guardare l'alba". Avrebbe detto questo agli investigatori Francesca S.D., la ragazza ferita durante un rave party illegale a Peschiera Borromeo lo scorso week-end dove ha perso la vita Matias Sperotti, 23 anni di Capiago Intimiano (Como). 

I due, secondo quanto è stato appurato, si erano portati sul tetto di una vecchia cartiera abbandonata, area nei pressi della Paullese che era stata scelta come "location" per la festa, nella notte tra l'8 e il 9 ottobre. Non stavano ballando nè tantomeno sventolando bandiere, come ipotizzato inizialmente. Stavano, semplicemente, guardando l'alba. Ad un certo punto, però, la tragedia: il loro peso ha sfondato il lucernario sul quale si erano arrampicati, e sono caduti violentemente a terra, facendo un volo di 7 metri. 

Francesca ha riportato diverse ferite, ma non è mai stata in pericolo di vita. Matias, invece, numerosi traumi su tutto il corpo. Portato d'urgenza al Niguarda, è spirato nel pomeriggio di martedì 11 ottobre. La famiglia ha acconsentito l'espianto degli organi. 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Volevamo guardare l'alba". Poi crolla tutto. E il buio

MilanoToday è in caricamento