menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cerca di aggiustare un'antenna, precipita dal settimo piano e muore

Figlio di un dirigente di polizia, aveva solo 29 anni. I carabinieri hanno trovato il corpo privo di vita del giovane. Secondo quanto rilevato sul posto, il segno della scivolata dal terrazzo su cui stava cercando di sistemare l'antenna è evidente

Un ragazzo toscano di 29 anni è volato a terra dal settimo piano di un palazzo a Milano, rimanendo ucciso. Si chiamava Matteo Chelotti. Secondo una prima ricostruzione delle forze dell'ordine, stava cercando di aggiustare un'antenna.

Il dramma è avvenuto nel primo pomeriggio di sabato 4 ottobre. Il giovane era il figlio del capo della sezione anticrimine del commissariato di Viareggio, Lucio. Si era trasferito per lavoro da Massa a Milano, dove si occupava di sicurezza per un albergo. Viveva con la fidanzata Cristina. 

I carabinieri hanno trovato il corpo privo di vita del giovane. Secondo quanto rilevato sul posto, il segno della scivolata dal terrazzo su cui stava cercando di sistemare l’antenna è evidente. Anche i familiari hanno smentito qualsiasi dubbio su un possibile suicidio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento