Milano, medico chirurgo toglie lo stomaco 'per errore' a una paziente: condannato a 2 anni

Medici condannati a versare una provvisionale di 300mila euro alla donna e 20mila al marito

Repertorio

Per aver asportato a una donna lo stomaco "per errore" dopo una errata "diagnosi di tumore maligno", il chirurgo che nel 2016 l'aveva operata alla MultiMedica di Sesto San Giovanni, in provincia di Milano, è stato condannato dal tribunale di Monza a 2 anni di carcere, senza sospensione, per lesioni colpose gravissime.

Lo ha deciso il giudice Angela Colella che ha disposto per Valerio Ceriani, che aveva effettuato l'intervento come primo operatore, anche l'interdizione dall'esercizio della professione sempre per 2 anni. Il chirurgo, in solido con il responsabile civile MultiMedica Spa sono pure stati condannati a versare una provvisionale di 300mila euro alla signora e di 20mila euro al marito. Assolta invece la dottoressa che era stata secondo operatore. 

La vittima dell'episodio è una 54enne che per quell'operazione non necessaria, secondo la Procura di Monza, ha adesso una "malattia certamente o probabilmente insanabile", cioè la perdita di un organo. La donna era assistita dall'avvocato Francesco Cioppa.

Intervento sbagliato alla Multimedica di Sesto

L'avvocato Cioppa ha evidenziato "insieme all'inaudita gravità del comportamento negligente ed imperito mantenuto dagli imputati, l'incomprensibile ed inaccettabile indifferenza mostrata sia da questi, sia soprattutto dalla struttura sanitaria in cui questi operavano ed operano, nei confronti delle sorti della paziente e delle immani sofferenze a lei inferte".

Secondo l'imputazione, la 54enne, che per circa dieci mesi, dopo l'intervento di gastrectomia totale del 4 aprile 2016, non riuscì più ad avere una vita normale ("ha perso 30 kg da allora", spiega il legale), diede il "consenso informato" a quell'asportazione per una "diagnosi di tumore maligno dello stomaco rivelatasi totalmente sbagliata e priva di qualsiasi riscontro".

I due medici, "componenti l'equipe che ha prescritto, programmato, gestito ed effettuato l'intervento", tra le altre cose, come scrive il pm, hanno "interpretato in maniera completamente errata la Egds (esofago-gastro-duodenoscopia,ndr) e la Tac addominale del 31 marzo 2016". E hanno "formulato un'errata diagnosi di carcinoma gastrico" senza "attendere l'esito delle biopsie eseguite".

Assenza di esiti di cui non hanno informato, sempre secondo l'accusa, la donna. Né le avrebbero spiegato "le ragioni della scelta di eseguire un'asportazione totale rispetto alla possibilità di procedere ad una asportazione parziale dell'organo". In più, sempre come ricostruito dal pm, nel corso dell'intervento non hanno eseguito biopsie per "acquisire ulteriori elementi di valutazione". E non hanno nemmeno rispettato le "linee guida in materia che impongono, ove possibile, di privilegiare un'asportazione parziale".

La posizione del Gruppo MultiMedica

In serata è arrivata la reazione del Gruppo MultiMedica alla sentenza. "Il Gruppo - si legge in una nota - conferma la propria linea di massima collaborazione con la magistratura e di apprezzamento per il lavoro svolto dagli inquirenti, e ribadisce al contempo la propria fiducia nei confronti del professor Ceriani. Un professionista che opera presso il Gruppo MultiMedica da oltre 15 anni e che ha al proprio attivo oltre 10mila interventi".

"La professione del chirurgo - continua la nota ufficiale del Gruppo - è purtroppo particolarmente complessa, e costringe spesso a prendere decisioni difficili in situazioni di emergenza. Ma anche per questo è a volte essenziale il ruolo della magistratura, a tutela in primis dei pazienti, ma anche delle strutture sanitarie".

"Con questo spirito - conclude la nota - il Gruppo MultiMedica ribadisce anzitutto la massima solidarietà nei confronti della paziente - purtroppo parte lesa in questa vicenda - e in attesa di un verdetto definitivo, coperto da giudicato, rinnova la massima fiducia nell’operato della magistratura e nella professionalità del professor Ceriani".    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

  • Milano diventa città "smoke free": sigarette all'aperto vietate, si fuma solo in 'luoghi isolati'

Torna su
MilanoToday è in caricamento