Melegnano, arrestato “recchia mozza”: seminava terrore nei bar

I carabinieri di Melegnano, ieri, hanno arrestato Benfettah Abdelall meglio conosciuto come "recchia mozza". Con i suoi comportamenti violenti terrorizzava gli esercenti di zona. Beveva troppo e assumeva droghe. I dettagli

E' stata una litigata di troppo a far scattare nuovamente le manette ai polsi di Benfettah Abdelall, un marocchino di 36 anni conosciuto a Melegnano con il soprannome di “recchia mozza” e noto a tutti per aver seminato il terrore nei bar con  suoi comportamenti violenti, conseguenza di una massiccia assunzione di alcol e droga.

L'altro ieri sera Abdelall ha litigato con un melegnelese, conosciuto dalle forze dell'ordine. Sono le 20.30, i due si trovano davanti al supermercato Carrefour di San Giuliano Milanese. Vengono alle mani, pare, per un debito di droga (500 euro per cocaina che il marocchino avrebbe venduto al melegnanese circa  10-15 giorni fa) riprendendo le vecchie abitudini, dopo essersi fatto tre anni di reclusione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

  Era uscito di prigione un mese e mezzo fa, ieri sera è stato arrestato di nuovo  

Abdelall, infatti, era stato arrestato nel 2007 ma un mese e mezzo fa aveva ottenuto dal Tribunale di Sorveglianza di Milano l'affidamento ai fini terapeutici ed era uscito di prigione. Però, una volta tornato a Melegnano, aveva a quanto pare ripreso la vita di prima: alcol, droga e violenza.
Il contendente melegnanese, di cui non è stato diffuso il nome, ha denunciato l'aggressione ai carabinieri, alle 21,30, un'ora dopo – cioè – che era scoppiata la rissa con Abdelall. E' stato un carabiniere ad intuire che l'episodio poteva essere una buona occasione per far revocare a “recchia mozza” l’affidamento e Abdelall viene sentito a verbale.

Ieri sera la risposta del Tribunale di Sorveglianza di Milano: il provvedimento di affidamento per il marocchino è stato revocato. Abdelall è stato raggiunto e arrestato dai carabinieri e trasferito nel carcere di Lodi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autostrade, confermato lo sciopero domenica 9 e lunedì 10 agosto: le cose da sapere

  • Terrore in Duomo: uomo armato di coltello prende in ostaggio guardia giurata, arrestato

  • Disavventura per una famiglia di Milano, trova la casa delle ferie devastata e occupata

  • Milano, violenta rissa in strada: il video choc dei residenti che seguono tutto dalle finestre

  • Coronavirus, tamponi e mini isolamento per chi torna da Spagna, Grecia, Malta e Croazia

  • Milano, abbonamenti Atm: via ai rimborsi per le mensilità non utilizzate durante il lockdown

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento