menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assessore Maran (foto Melley/MilanoToday)

L'assessore Maran (foto Melley/MilanoToday)

Fermate del metrò con lo sponsor: l'idea della giunta

Arrivano le linee d'indirizzo per sponsorizzare alcune fermate e intere linee della metropolitana. Ma il centrodestra promette battaglia

Fermate (e intere linee) della metropolitana con lo sponsor: non è più un'idea intangibile ma una delibera già presentata dall'assessore ai trasporti Pierfrancesco Maran in giunta, di cui ora vengono alla luce alcuni dettagli. La possibilità di veicolare il proprio nome, logo, marchio verrà quindi portata anche a Milano. Non è una novità assoluta: il 24 settembre 2013, la stazione della metropolitana romana di Termini è stata ribattezzata "Termini Vodafone", e l'azienda telefonica dal 2012 sponsorizza (per un milione di euro all'anno) una stazione del metrò di Madrid.

Il centrodestra pone qualche dubbio: per Riccardo De Corato (Fratelli d'Italia) un conto è sponsorizzare le aiuole, un altro conto è far la stessa cosa con le fermate del metrò, "riferimenti per i cittadini". Per Giulio Gallera (Forza Italia) c'è il rischio che Milano sia "un'accozzaglia di brand e loghi". Per Alessandro Morelli (Lega) "la prossima mossa sarà di vendere le nostre cucine e le nostre macchine". Anche Basilio Rizzo, consigliere di maggioranza, ha qualche dubbio: "La storia della città non può essere mescolata al nome di uno sponsor", sostiene.

Non la pensa come i suoi colleghi il consigliere di Forza Italia Pietro Tatarella: "La proposta non mi scandalizza", afferma in una nota: "Credo che una città come Milano debba, in un momento di profonda crisi degli enti locali, trovare risorse dai privati per migliorare i servizi ai cittadini. L'Assessore Maran venga in commissione e condivida con il consiglio il percorso e i criteri che porteranno alla ricerca di partners privati".

Favorevole Carlo Monguzzi, presidente della commissione trasporti in consiglio comunale: "In un momento di crisi di risorse, utilizzare sponsor privati per far funzionare i mezzi pubblici è utile". Monguzzi precisa poi che devono essere "sponsor adeguati all'immagine di Milano ed eticamente ineccepibili".



 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento