menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Metro Milano

Metro Milano

Metropolitana M4: ecco come sarà la linea che arriverà a Linate

Il primo grande obiettivo per la nuova linea M4, che in totale conterà 21 stazioni su un percorso di 15 chilometri da Linate a San Cristoforo (Lorenteggio), è Expo 2015

Da giovedì 26 settembre sono iniziate le operazioni di cantierizzazione delle aree tra via Ardigò e via Mezzofanti dove sorgerà la stazione Forlanini FS della nuova linea metropolitana M4. 

Durante i lavori i cittadini della zona potranno portare i propri bimbi nelle aree gioco di via Zanella e di viale Argonne. In quest’ultimo spazio verde è presente anche un’area cani, mentre una nuova sorgerà tra piazza San Gerolamo e via Marescalchi. Alla fine dei lavori, l’area sarà nuovamente sistemata a giardino attrezzato. 

Il primo grande obiettivo per la nuova linea M4, che in totale conterà 21 stazioni su un percorso di 15 chilometri da Linate a San Cristoforo (Lorenteggio), è Expo 2015: per l’occasione, infatti, sarà attivata la tratta Linate Aeroporto-Forlanini FS e proprio da qui sarà possibile l’interscambio con le linee ferroviarie suburbane-linee S. 

La M4 collegherà l’aeroporto di Linate con la stazione di San Cristoforo (Lorenteggio). La linea si svilupperà tutta in sotterraneo percorrendo viale Forlanini,  l’asse Argonne-Plebisciti  fino a piazza Tricolore, poi da San Babila la Cerchia dei Navigli fino a Sant’Ambrogio e da qui proseguirà fino al capolinea nel quartiere Lorenteggio. I benefici che porterà al quartiere questa nuova metropolitana leggera totalmente automatizzata saranno tanti: si potrà attraversare Milano molto più velocemente, ci sarà meno traffico, si ridurranno l’inquinamento e gli incidenti stradali, aumenteranno le opportunità lavorative, dirette e indirette, e sarà possibile raggiungere comodamente l’aeroporto di Linate. 

Le attività di cantierizzazione non comporteranno particolari modifiche né per quel che riguarda la viabilità di zona né per i percorsi dei mezzi pubblici. Inoltre, per minimizzare i disagi verranno utilizzate le più avanzate tecnologie per mitigare e abbattere il più possibile i disturbi derivanti da sollevamento polveri, rumori e vibrazioni. 

Nella fase iniziale saranno necessarie alcune interruzioni temporanee dei servizi di acqua, luce, gas e telefono. Qualsiasi intervento sarà comunicato in anticipo dagli enti gestori (A2A, MM, Telecom, etc.). Il percorso previsto per i mezzi di cantiere interesserà prevalentemente la direttrice via Sismondi, via Negroli, viale Corsica verso tangenziale est/Mecenate, per un periodo di 8 mesi, e la direttrice via Marescalchi, via Amedeo, via Ortica verso tangenziale est/Rubattino, per un periodo di un anno e mezzo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Coronavirus

Che fine farà lo smart working a Milano dopo la pandemia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento