Milanesi in ferie: si tuffano dalla scogliera uno dopo l'altro e si colpiscono, tragedia sfiorata

Ferito un giovane residente a Milano: per poco non è rimasto paralizzato

Per interminabili minuti si è temuto il peggio quando un ragazzo di 19 anni residente a Milano, in viaggio nel Salento con un gruppo di altri amici lombardi (i più, del Bresciano), appena tuffatosi dalla scogliera, nelle scorse ore è stato colpito da un secondo giovane dal salto facile. L’impatto deve essere stato piuttosto violento, perché il malcapitato ha avvertito subito dolori. Poi, ha perso anche i sensi.

E’ successo in tarda mattina sulla scogliera di Torre Sant’Andrea (Lecce), dove la mappa segna la fine del territorio di Melendugno e l’inizio di quello di Otranto. Gli operatori sanitari, saltando fra una crepa e l’altra, aggrappandosi con le mani per non scivolare, sono riusciti a ridiscendere un punto molto pericoloso, raggiungendo il giovane. Che nel frattempo era stato riportato sugli scogli dagli amici. I primi segnali non erano fra i migliori. Prima la sincope, poi le gambe: non le avvertiva, per il contraccolpo. Almeno, all’inizio. Nella ripresa, ci si è accorti che il problema principale era la spalla sinistra, molto dolorante.

Chi si è tuffato dopo - un ragazzo non compiutamente identificato, che ha rifiutato il soccorso, allontanandosi -, deve averlo colpito proprio in quel punto. Qualche centimetro oltre, finendo sulla testa, e forse si starebbe commentando altro. E pensare che per il 19enne era il primo giorno di vacanza, nel Salento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alcuni amici della comitiva del ferito hanno anche aiutato i soccorritori a risalire la scogliera. Poi, il volo verso il pronto soccorso dell’ospedale di Scorrano per accertamenti. Vi è arrivato in codice giallo. Ed è stato successivamente dimesso. Meglio di così non sarebbe potuta andare, altri ci hanno rimesso la vita o le gambe, per una bravata, un errore, un incidente. E, intanto, del caso è stato avvisato anche l’ufficio circondariale marittimo di Otranto, che ha inviato una motovedetta. L’unico modo per verificare in maniera rapida cosa stessa accadendo in zona. E il guaio è che, nonostante tutto, appollaiati sulla scogliera erano in centinaia, molti dei quali pare che abbiano continuato a tuffarsi in mare persino durante la fase dei soccorsi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Tragedia a Pero, bambino di 5 anni muore soffocato mentre mangia una brioche in casa

Torna su
MilanoToday è in caricamento