rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Duomo / Via Pantano

Milano in tilt, rabbia di studenti e operai. Tensione davanti ad Assolombarda

Cortei di studenti e metalmeccanici lungo le vie del centro. Fumogeni e petardi contro la sede degli Industriali di Assolombarda. Musica e slogan contro il governo, Berlusconi e Gelmini. Landini (Fiom): "Vogliamo lavorare, ma con dignità"

Distinti cortei hanno funestato nella mattinata di venerdì la viabilità milanese. Principale è stato quello della Fiom-Cgil, sindacato dei metalmeccanici, che ha anche proclamato un giorno di sciopero. Tra i partecipanti Giuliano Pisapia, Onorio Rosati della Camera del Lavoro di Milano, Maria Sciancati, segretario regionale della Cgil, don Andrea Gallo, e molti esponenti della sinistra cittadina.

"FIAT DA AGUZZINI" - "Noi vogliamo lavorare - sono state alcune delle parole del segretario nazionale Fiom Giuliano Landini durante il comizio-, ma facendo accordi affinchè i diritti basilari vengano rispettati. Se tutte le aziende si comportassero come si sta comportando Fiat in questo momento, sarebbe il finimondo". Un presidio, invece, abbandonate le vie del centro, si è fermato davanti ad Arcore, a Villa San Martino, residenza del premier Berlusconi.

GUERRIGLIA DAVANTI AD ASSOLOMBARDA - Oltre agli operai della Fiom, per le vie di Milano - partendo da Largo Cairoli -, hanno sfilato anche gli studenti dell'Unione sindacale di base (Usb). Tra loro, universitari e ragazzi alle superiori. Hanno inneggiato contro il governo e la riforma Gelmini, provocando lievi disordini davanti alla sede dell'Università Cattolica. Un centinaio di ragazzi, poi, dopo essersi staccati dal corteo principale, si è spostato tra via Pantano e via Larga, davanti alla sede degli Industriali di Assolombarda, e ha ingaggiato un breve scontro con la polizia in tenuta anti-sommossa. Sono volate bottiglie di vetro ed è stato lanciato qualche petardo e fumogeno.

DE CORATO A MUSO DURO - Duro il commento dei vicesindaco Riccardo De Corato: "I cortei organizzati da un mix di sindacati, centri sociali, e studenti, che hanno anche seguito percorsi non autorizzati, hanno prodotto un unico risultato: chiudere Milano nella morsa del traffico, con ingorghi alla circolazione, lunghi imbottigliamenti delle auto e 20 linee Atm deviate o rallentate già dalle ore 8.50 di questa mattina. Oltre ai soliti vergognosi tafferugli con la polizia e imbrattementi. Danni quantificabili in oltre 100 mila euro. Da sommare all’oltre milione di euro per le ultime 8 manifestazioni tra novembre e dicembre 2010. Una scelta irresponsabile, quella del doppio corteo, in un momento in cui Milano sta cercando di fronteggiare l’inquinamento con misure strutturali".

Immagine da cronacalive.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano in tilt, rabbia di studenti e operai. Tensione davanti ad Assolombarda

MilanoToday è in caricamento