Stilla: ”Per i disabili siamo un paese di barriere e d’indifferenza”  L'Intervista

Dopo il ferimento di un ipovedente che potrebbe creare un precedente, a Milano Today parla Nicola Stilla, presidente lombardo dell'Unione Italiana Ciechi. All'estero? "Tutto un altro mondo"

"Mi capita addirittura di ricevere delle petizioni di cittadini che si lamentano del rumore dei i semafori sonori che hanno magari vicino alle loro abitazioni e, a Milano, ce ne sono talmente pochi". E' quanto ha raccontato Nicola Stilla, Presidente Consiglio Regionale Lombardo dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, come esempio eclatante dell'atteggiamento delle persone e delle istituzioni nei confronti delle persone disabili.


Dopo l'episodio dell'ipovedente feritosi scendendo dal bus, causa ancora aperta e che potrebbe creare un significativo precedente, il presidente ha commentato: "A Milano, e in tutto il Paese, il problema delle barriere architettoniche è drammatico, la loro presenza è ovunque. Mancano le segnalazioni audio sui mezzi di trasporto e alle fermate e i semafori sonori sono pochi e solo nella zona centrale della città. In metro è un'impresa per una persona cieca o ipovedente conoscere le fermate, le direzioni e i periodi di attesa, per non contare che i gradini di molti tram sono un ostacolo invalicabile, non tanto per i ciechi ma per chiunque non sia uno scalatore".

  I colleghi mi riferiscono che all'estero è tutto un altro mondo  


E in Europa? L'impressione è che le cose vadano meglio. "Non conosco la legislazione precisa ma i colleghi che se ne occupano mi parlano di tutto un altro mondo - ha risposto Stilla -. In Italia manca proprio la cultura del rispetto, della tolleranza e della solidarietà su questo problema proprio a partire dalle istituzioni".


Ora, pronto per essere stampato, c'è un tentativo di sensibilizzazione e di formazione: è una vera e propria guida tecnica che può costituire uno strumento utile per tutti i progettisti, "affinché realizzino delle opere, soprattutto pubbliche, fruibili per tutti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


La guida uscirà fra qualche mese e, al più presto, sarà disponibile anche on-line in modo da essere liberamente consultata da tutti i Comuni e dalle le istituzioni che vorranno diventare "disabili friendly": è quello che si augurano l'Ente Nazionale Sordomuti, l'Ente Nazionale invalidi civili, l'Ente Nazionale invalidi del lavoro e quello degli invalidi per servizi, uniti in una federazione con l'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti per migliorare la situazione del nostro Paese oggi "disabile con tutti i disabili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare: come e quando spostare le lancette dell'orologio per cambiare l'ora

  • Covid, Lombardia terzultima in Italia per contagi: "Si è creata una sorta di immunità"

  • 'Milanese' bloccato in Argentina per il coronavirus muore assassinato: addio a Lucas

  • Milano, violenza sessuale al Parco Nord: ragazza 20enne stuprata in una notte d'orrore

  • Mega rissa a colpi di cestelli al supermercato perché non indossano la mascherina: il video

  • Milano, sole e temperature 'invernali' ma la situazione cambia nei prossimi giorni: il meteo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento