rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Giovane cantante molesta il produttore: voleva diventare subito una star

E' finito in manette con l'accusa di tentata estorsione e stalking, Alessandro R. un giovane artista pugliese. Il ragazzo, impaziente di affermarsi nel mondo della musica, ha iniziato a molestare un noto produttore milanese per spingerlo a pubblicare subito il suo disco. In quattro anni, l'artista ha speso 200mila euro per cercare la fama

Di aspettare “i tempi tecnici” proprio non voleva saperne, un giovane artista di origini pugliesi che è stato arrestato ieri sera nella sua casa di Gravina di Puglia. Le accuse per lui sono di tentata estorsione e stalking nei confronti di un noto produttore milanese, con il quale il ragazzo aveva avviato una collaborazione.
  Per inseguire la fama, avrebbe speso 200mila euro in quattro anni  

Alessandro R., questo il nome del cantante, ha letteralmente subissato di mail, telefonate e sms il produttore, minacciandolo anche di morte se non avesse pubblicato al più presto il suo disco. L'ordinanza di custodia cautelare che ha messo fine alle molestie, è stata firmata dal Gip di Milano Guido Salvini e notificata dai carabinieri al ragazzo.

La vicenda inizia nel 2005, quando l'artista emergente prende contatti con il discografico. Prima rifiuta di pubblicare il proprio disco con una etichetta minore, poi snobba una partecipazione a San Remo 2008. Alla fine riesce a farsi mettere sotto contratto dalla Sony, ma i tempi per uscire con l'album non sono brevi. E Alessandro R. inizia a molestare il produttore sperando di accelerare la procedura.

Il 21enne da ieri sera si trova in carcere e dovrà rispondere delle accuse indicate. In quattro anni, il giovane artista ha speso 200mila euro per realizzare il sogno di diventare famoso.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane cantante molesta il produttore: voleva diventare subito una star

MilanoToday è in caricamento