Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

L'aggressione sarebbe avvenuta all'improvviso, da dietro e senza motivo. Sul posto carabinieri e 118, con ambulanza e automedica, carabinieri e polizia

Aggressione davanti alla Stazione Centrale (foto A. Gemme)

Un militare è stato pugnalato alla gola con un tagliacarte da un passante in Piazza Duca d'Aosta a Milano, davanti alla Stazione Centrale, nella mattinata di martedì 17 settembre, poco prima delle 11. L'aggressore - Mahamad Fathe, 23enne yemenita irregolare in Italia - è stato fermato dai carabinieri poco dopo il fatto e secondo quanto trapelato, durante le fasi di fermo, avrebbe urlato "Allah Akbar". È accusato di attentato per finalità terroristiche o di eversione, tentato omicidio e violenza a pubblico ufficiale.

L'aggressione all'improvviso

Tutto è accaduto poco dopo le 10.45. Secondo quanto ricostruito da MilanoToday il militare — senza alcun motivo apparente — sarebbe stato sorpreso all'improvviso alle spalle e raggiunto da due fendenti: il primo al collo e il secondo alla spalla.

Video: militare aggredito e pugnalato in Centrale

L'aggressore, che secondo alcuni testimoni frequenta il piazzale davanti alla Stazione Centrale, sarebbe scappato in direzione di via Vittor Pisani, ma è stato poi fermato dai carabinieri del Reggimento Lombardia e da un 'migrante eroe'. Proprio in questo frangente avrebbe urlato "Allah akbar".

arma aggressione stazione centrale militare-2

Il migrante-eroe

A dare un contributo fondamentale per fermare l'aggressore, riferiscono i carabinieri, è stato un passante. Dopo aver assistito all'assurda aggressione, l'uomo - un senegalese di 52 anni con permesso di soggiorno illimitato - ha atterrato lo yemenita aiutando i militari del Reggimento Lombardia.

Le indagini

Il pool antiterrorismo di Milano, guidato dal pm Alberto Nobili, sta passando al setaccio la vita dell'aggressore per capire se ci siano elementi che lo colleghino al terrorismo; Fathe, nel pomeriggio di martedì, è stato arrestato su disposizione del pm di turno Luca Gaglio. Per il momento è accusato di attentato per finalità terroristiche o di eversione, tentato omicidio e violenza a pubblico ufficiale.

Le condizioni del militare

Il militare 34enne, Matteo Toia, caporale maggiore scelto dell'esercito appartenente al Quinto Reggimento Alpini della Brigata Julia, è stato accompagnato in codice verde al pronto soccorso dell'ospedale Fatebenefratelli. Le pugnalate gli hanno provocato ferite non profonde: l'uomo è cosciente e non corre pericolo di vita.

"Allah Akbar": il significato

Con l'espressione "Allah Akbar", letteralmente "Allah è (il) più grande", il credente manifesta la sua professione di fede in Allah e nell'Islam. In sé è del tutto simile a espressioni come "Hallelujah" (comune a cristiani e ebrei) o "Sia lodato Gesù Cristo" (cristiani). Per questo motivo è ripetuta prima dell'inizio delle preghiere. Ma in realtà è anche un'invocazione tipica della quotidianità. L'uso politico dell'espressione si riscontra nella bandiera iraniana (22 volte, in grafica stilizzata) e in quella irachena dell'era di Saddam Hussein, durante la prima guerra del Golfo. E' stato il titolo dell'inno nazionale libico dell'era di Gheddafi.

Un'espressione che, in sé, significa semplicemente che sopra a Dio non può esservi niente, è stata quindi politicamente strumentalizzata fino ad essere stata trasformata, nell'immaginario collettivo, in una frase associata direttamente a gesti di stampo terroristico. E' senz'altro vero che i terroristi di matrice islamica gridino "Allah Akbar" prima di compiere un attentato, mentre non è vero che il semplice grido "Allah Akbar" equivalga a un'intenzione terroristica.

Forze dell'ordine aggredite in Stazione Centrale: il precedente

Non è la prima volta che le forze dell'ordine vengono aggredite e accoltellate in Stazione Centrale a Milano: il 18 maggio del 2017 Ismail Tommaso Hosni aggredì con un coltello due militari e un agente della polizia ferroviaria che gli avevano chiesto i documenti.

Hosni è attualmente detenuto. Dopo essere stato condannato a 7 anni nel primo grado di giudizio (al netto dello sconto di un terzo della pena previsto per la scelta del rito abbreviato), in appello si è visto ridurre la pena a 5 anni e 8 mesi di carcere. La perizia psichiatrica disposta dal giudice del processo di primo grado aveva accertato il suo “vizio parziale di mente”: in sostanza, al momento di aggredire i tre componenti della pattuglia mista che lo avevano fermato per un controllo di documenti, la sua capacità di intendere e di volere “era gravemente scemata”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Puzza a Milano, odore fortissimo invade la città: boom di segnalazioni. La spiegazione

  • Milano, bimbo di 5 anni precipita a scuola: soccorritori e prof con le lacrime agli occhi

  • Il pusher gli vende la carta: lui lo scaraventa nel vuoto per ammazzarlo, tradito dal video

  • Incidente in tangenziale Est, tragico schianto tra due auto e un camion: due morti e due feriti

  • Milano, dramma a scuola: bimbo di cinque anni precipita nel vuoto dalle scale, è gravissimo

  • Milano, incidente tra un bus e un'auto in via Giordani: una donna in coma e due bimbi feriti

Torna su
MilanoToday è in caricamento