Caso Ruby: anche la consigliera regionale Nicole Minetti sarebbe tra gli indagati

Il caso è scoppiato lo scorso 26 ottobre dopo la pubblicazione di un articolo di "Il Fatto quotidiano". Una ragazza marocchina di nome Ruby avrebbe partecipato ad alcuni festini a casa di Berlusconi. Secondo la stampa ci sarebbero anche tre indagati. La procura non conferma

La consigliera  regionale della Lombardia, Nicole Minetti secondo alcuni giornali (Repubblica e Il Fatto Quotidiano) sarebbe indagata per favoreggiamento della prostituzione nell'ambito di un'indagine su presunti rapporti tra Rudy, minorenne marocchina e il premier Silvio Berlusconi.  Insieme all'ex igienista di Silvio Berlusconi, eletta al Pirellone la scorsa primavera, sarebbero indagati anche l'impresario televisivo Lele Mora e il direttore del Tg4  Emilio Fede.

A dare la notizia di una denuncia presentata dalla ragazza, che ha da poco compiuto 18 anni, contro il Premier lo scorso 26 ottobre “Il Fatto quotidiano”.  Nell'articolo pubblicato dal giornale diretto da Padellaro viene spiegato che la giovane farebbe parte del 'giro' delle ragazze dell'agente di spettacolo Lele Mora, per il quale avrebbe partecipato ad alcune serate nelle discoteche, nonchè ad alcuni festini nelle ville del Premier. Il procuratore della Repubblica di Milano, Edmondo Bruti Liberati, ieri ha però negato l'esistenza di "denunce" nei confronti del presidente del Consiglio.

Il commento di Nicole Minetti (Pdl). “Conosco quella ragazza ma non ho davvero nulla da dire a riguardo”, ha dichiarato ai giornalisti.  Secondo quanto riportato oggi da Repubblica, Nicole Minetti prelevò dalla caserma Ruby e la portò a casa sua nello scorso mese maggio quando la ragazza fu arrestata per furto.

Lele Mora. "No, stavolta non rispondo", ha commentato Lele Mora "Ho letto i giornali, certo ma davvero non ho nulla da dire", ha conclusa.

Ieri. Quel che è certo è che ieri la giovane marocchina, scappata dalla famiglia in Sicilia e dalle comunità alle quali il Tribunale dei minorenni l'aveva affidata, è stata a lungo sentita in procura, per ricostruire la vicenda. Alla riunione, al quarto piano del Palazzo di Giustizia, hanno partecipato il procuratore Edmondo Bruti Liberati, il procuratore aggiunto Pietro Forno, a capo del pool Reati Sessuali, e il pm Antonio Sangermano, titolare dell' indagine.

I legali del premier.
Gli avvocati Piero Longo e Niccolò Ghedini, ieri hanno definito "le notizie apparse sui media assolutamente infondate".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Non è affatto detto che Milano torni a essere quella di prima

  • Rapinatore bloccato con un pugno in faccia da un passeggero: fermato e liberato 24 ore dopo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento