Mise En Place, Joe Bastianich e Chiara Mosti in viaggio tra arte e cucina al fianco di Mani Tese

Sarà devoluto a Mani Tese il ricavato della nuova linea di t-shirt esclusive, in serie limitata, realizzata per il progetto Mise En Place.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Magliette che si trasformano in tele del gusto, grazie a colori e ingredienti capaci di fondere moda, arte, cucina e solidarietà. Sarà devoluto a Mani Tese il ricavato della nuova linea di t-shirt esclusive, in serie limitata, realizzata per il progetto Mise En Place.

L'iniziativa, al 100% italiana, nasce da un'idea di Joe Bastianich e della fashion designer Chiara Mosti per sposare moda, arte e cucina con l'impegno sociale. Insieme all'istrionico Restaurant Man sono stati coinvolti nell'iniziativa dodici grandi rappresentanti del panorama gastronomico italiano: Antonino Cannavacciuolo; Moreno Cedroni; Carlo Cracco; Enrico Crippa; Gennaro Esposito; Gualtiero Marchesi; Norbert Niederkofler; Davide Oldani; Italo Bassi e Riccardo Monco per Enoteca Pinchiorri; Niko Romito; Davide Scabin; Viviana Varese. Mise En Place (www.miseenplaceitalia.it), è un viaggio lungo la penisola che inizia dai mercati rionali della Toscana - terra della fashion designer Chiara Mosti - passa dai piatti regionali tipici e arriva fino alle cucine dei grandi ambasciatori del gusto italiano.

Le magliette sono acquistabili a partire dalle ore 10.00 di domenica 8 febbraio al prezzo di 100 euro l'una su CharityStars.com, la piattaforma digitale che nel 2014 ha raccolto più di 1.070.000€ a favore di 150 Onlus italiane e internazionali. Su CharityStars.com sarà inoltre acquistabile in soluzione unica anche un'installazione artistica - attualmente esposta in anteprima ad Eataly Torino - che racchiude, in cornici artigianali, tutta la serie limitata che verrà autografata dagli Chef. La linea è stata presentata domenica 8 Febbraio a Milano sul Palco di Identità Golose, grazie all'ospitalità di Paolo Marchi, ideatore e curatore del Congresso Internazionale della Cucina d'Autore che darà il via alla vendita benefica.

Il ricavato delle vendite sarà interamente devoluto a Mani Tese, ONG italiana impegnata dal 1964 per combattere la fame e gli squilibri tra Nord e Sud del mondo, che festeggia in questi mesi i suoi primi 50 anni. I fondi saranno investiti in un progetto di cooperazione per il raggiungimento della sicurezza alimentare in Burkina Faso. "Un grazie speciale va a Joe Bastianich, Chiara Mosti e agli Chef. Il loro è un atto di fiducia e un sostegno importante per il nostro impegno di giustizia in Italia e all'estero. Un impegno che compie in questi giorni 50 anni ed è oggi più vivo che mai. Siamo felici di partecipare a questo progetto che valorizza le doti migliori del nostro paese: creatività e solidarietà", dichiara Valerio Bini, presidente di Mani Tese.

Un entusiasmo che traspare anche dalle parole con cui uno degli ideatori, Joe Bastinaich, descrive l'iniziativa: "Grazie alla creatività di Chiara è stato spontaneo pensare ad una linea di T-shirt che li esaltasse come opere d'arte da indossare. Sono orgoglioso di aver trovato tanto sostegno dai nostri compagni di viaggio, 12 Chef riconosciuti a livello mondiale, senza di loro non sarebbe stato possibile realizzare Mise En Place". Fama e visibilità, spiega Davide Scabin, chef bistellato del Combal.zero di Rivoli (Torino), si rivelano preziose per sostenere chi lavora lontano dai riflettori: "In un momento in cui gli chef sono diventati molto popolari, possiamo usare questa popolarità con uno scopo solidale al fine di aiutare Onlus come Mani Tese a portare avanti progetti per il Sud del mondo. Grazie quindi a Joe Bastianich per avere pensato al progetto Mise En Place"

Torna su
MilanoToday è in caricamento