Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Milano, 20 persone morte sul lavoro in 7 mesi

La Lombardia, con 55 decessi bianchi, è la regione con il maggior numero di vittime in Italia

Da gennaio a luglio 2018 a Milano sono morte 20 persone sul posto di lavoro, in Lombardia 55. A dirlo è l'Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega di Mestre, che parla di una vera e propria emergenza morti bianche. A livello nazionale infatti le vittime registrate nello stesso periodo sono 587, con una terribilmente alta media mensile di 84 morti. La Lombardia è la regione con il maggior numero di morti bianche in Italia; seguono Emilia Romagna, dove sono morte 47 persone, e Veneto, con 44 decessi. La città con più vittime del lavoro sono Roma, con 26 morti, e Milano, con 20 morti decessi.

Le statistiche dell'Osservatorio Vega si basano sugli ultimi dati Inail, in quali rilevano 414 decessi sul lavoro e 173 in itinere. Del totale di 587 vittime la metà aveva tra i 50 e i 65 anni, 60 erano donne e 93 stranieri, 68 lavorano nell'ambito delle costruzioni, 55 erano dipendenti del campo manifatturiero, 53 del settore trasporti e magazzinaggi e 18 lavoravano nel commercio, nella riparazione di autoveicoli e motocicli, nelle agenzie di viaggio e nei servizi di supporto alle imprese. 

Rispetto all'anno 2017 il numero di morti bianche è calato di pochissimo (- 0,7%): da 591 decessi si è passati a 587. A preoccupare è anche il numero totale di infortuni nel periodo preso in analisi: a Roma sono stati 36, a Milano 26, a Torino 22, a Napoli 19 e a Bologna e a Venezia 15.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, 20 persone morte sul lavoro in 7 mesi

MilanoToday è in caricamento