rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
L'udienza

Rinviati a giudizio i 5 imputati per il crollo della gru che uccise 3 operai

L'incidente a Torino nel 2021. Il processo inizierà a dicembre. Familiari delle vittime risarciti dalle assicurazioni: non saranno parti civili

Tutti rinviati a giudizio i 5 imputati del crollo della gru avvenuto il 19 dicembre 2021 in via Genova a Torino, incidente nel quale morirono tre operai: Roberto Peretto (52 anni, di Cassano d'Adda), Marco Pozzetti (54 anni, di Carugate) e Filippo Falotico (23 anni, di Torino). A causa del crollo, altri tre operai rimasero feriti. Lo ha stabilito, al termine dell'udienza preliminare, il gup Alfredo Toppino.

Gli imputati sono cinque: il manovratore che pilotava il braccio dell'autogru (che fu ricoverato in stato di shock), la coordinatrice della progettazione ed esecuzione dei lavori e i legali rappresentanti delle tre società coinvolte: quella del cantiere del rifacimento del tetto, quella proprietaria dell'impianto fisso e quella fornitrice dell'autogru. Nessuno degli imputati ha chiesto riti alternativi. Rispondono di omicidio colposo plurimo.

Il risarcimento ai familiari

Il processo si aprirà il 4 dicembre 2024. Nel corso dell'udienza i familiari delle tre vittime hanno revocato la costituzione in parte civile dopo avere ottenuto un accordo con le assicurazioni: ognuna delle famiglie riceverà 500mila euro. Le parti civili ammesse sono dunque il proprietario dell'auto rimasta distrutta nel corso del crollo, rimasto ferito, e poi l'associazione Sicurezza e Lavoro, i sindacati edili Feneal-Uil e Filea, il Comune di Torino e l'Inail.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rinviati a giudizio i 5 imputati per il crollo della gru che uccise 3 operai

MilanoToday è in caricamento