Rosita e Luca, i due fidanzati morti tra le fiamme nella loro casa sui Navigli a Milano

Ventisette anni lei, ventinove lui: vivevano insieme in una casa sui Navigli. Il dramma

Le due vittime in una foto su Facebook

Tra le tante foto che si trovano sui social ce n'è una postata il 19 marzo che è innegabilmente più bella delle altre. Ci sono due ragazzi, la loro affinità, la loro intesa. Lui e lei sono in una stanza più o meno buia, uno accanto all'altro con le teste che si sfiorano, gli occhi quasi chiusi e le labbra che accennano un sorriso. 

Lei e lui sono Rosita Capurso, 27enne milanese, e Luca Manzin, 29enne nato a La Spezia ma cresciuto a Massa Carrara. Rosita e Luca, psicologa lei e avvocato lui, erano fidanzati, stavano insieme da qualche anno, uniti dall'amore per la solidarietà e l'aiuto al prossimo ed erano insieme anche alle tre della scorsa notte, quando un incendio ha portato via, insieme, le loro vite. 

Rosita e Luca, i fidanzati morti nell'incendio 

Entrambi sono morti nel rogo che ha distrutto la loro casa, una piccola abitazione in una villetta familiare nel cortile al civico 156 di via Alzaia Naviglio Grande, dove vivono anche una zia della 27enne e la compagna di suo padre, che l'anno scorso era scomparso.

L'inferno, stando a quanto finora appreso, è scoppiato pochi minuti dopo le tre. Per cause da accertare, ma con ogni probabilità si è trattato di un cortocircuito, da un quadro elettrico che si trova vicino alla porta è divampato un incendio. 

Il rogo durante la notte

Le fiamme hanno sorpreso i due fidanzati nel sonno: Luca, che verosimilmente è svenuto per il fumo, è stato trovato dai soccorritori a letto mentre il corpo di Rosita era nel bagno, segno che la 27enne potrebbe aver provato a prendere dell'acqua per spegnere le fiamme prima di perdere i sensi

Le prime a intervenire sono state la zia e la matrigna della giovane: hanno cercato di aprire la porta, che però era bloccata dalle chiavi messe nella serratura, e hanno provato a sfondare una finestra che dà sulla cucina della casa dei fidanzati, ma ormai c'era troppo fumo. 

I pompieri e i soccorritori del 118, una volta spento l'incendio, hanno cercato in ogni modo di rianimare i ragazzi, ma il loro cuore non ha mai ripreso a battere. Il pm ha disposto l'autopsia e ha posto sotto sequestro la villetta, ma i rilievi di vigili del fuoco e carabinieri della compagnia Porta Magenta lasciano pochi dubbi sulla dinamica della tragedia. 

Foto - La villetta teatro della tragedia

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

casa incendio navigli morti-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un pullman di linea: turista milanese muore sul Lago Maggiore

  • Lotto, doppia vincita record a Cassano Magnago: due quaterne da oltre 400mila euro

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Coronavirus, la Lombardia cambia le regole: nuove norme per obbligo mascherine e mezzi pubblici

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

  • Milano, incentivi fino a 21mila euro per le partite Iva che cambiano auto: come chiederli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento