Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Operaio 18enne morto: indagato anche il collega che manovrava l'elevatore

Il ragazzo aveva sbattuto la nuca contro uno stipite, per poi cadere a terra

Viene indagato per la sua morte anche il collega di Andrea Masi, l'operaio 18enne che il 31 ottobre ha perso la vita in un incidente sul lavoro mentre si trovava nel parcheggio del centro commerciale Portello. Dopo l'incidente la procura di Milano aveva aperto un'inchiesta nei confronti del datore di lavoro del giovane, accusato di omicidio colposo. 

Secondo la ricostruzione del tragico incidente, il 18enne si trovava su una piattaforma elevatrice manovrata da un collega, quando ha sbattuto la nuca contro uno stipite, per poi cadere a terra già incosciente. Oltre al titolare della NetWisp, l'azienda comasca specializzata nell'istallazione di fibre ottiche, presso cui il 18enne lavorava, sempre per omicidio colposo risulta indagato il collega di Masi, che al momento dell'incidente, appunto, stava guidando l'elevatore.

L'inchiesta, inizialmente coordinata dal pm Nicola Rossato, è stata riassegnata alla collega Maura Ripamonti del dipartimento guidato dall’aggiunto Tiziana Siciliano, che si occupa anche di incidenti sul lavoro. In corso gli accertamenti per ricostruire la precisa dinamica dell'accaduto. Cruciali saranno gli esiti della consulenza affidata a Ats Milano e quelli dell'autopsia sul corpo del ragazzo, che è avvenuta lo scorso 6 novembre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio 18enne morto: indagato anche il collega che manovrava l'elevatore

MilanoToday è in caricamento