Cronaca

E' morto Franco Bomprezzi

Si è spento a Milano

Franco Bomprezzi in una delle sue ultime immagini pubblicate su Fb

Si è spento giovedì 18 dicembre 2014, in mattinata, Franco Bomprezzi.

Aveva 62 anni. Era ricoverato al 'centro clinico Nemo' del Niguarda da diverse settimane, dove era seguito e monitorato in seguito a un'embolia polmonare (video: l'ultimo collegamento per una trasmissione tv). 

Nato a Firenze, si è sempre considerato 'milanese' e qui viveva. E' stato - gli è unanimemente riconosciuto - una delle persone che più ha dato valore alla comunicazione sociale e delle disabilità in Italia. 

Era affetto da osteogenesi, malattia che lo costringeva su una sedia a rotelle e gli procurava grosse difficoltà di movimenti. Questo, però, non gli ha mai impedito di dedicarsi al lavoro con grande passione, fino agli ultimi istanti di vita.

Iniziò a occuparsi di cronaca nera e politica dopo gli studi a Padova (lavorò anche al 'Resto del Carlino') per poi passare alle tematiche sociali. Divenne giornalista professionista nel 1984. Aveva vinto l'Ambrogino d'oro una decina d'anni fa. D'area di centrosinistra (si candidò anche come consigliere per Palazzo Marino), era molto ascoltato dalla giunta guidata da Giuliano Pisapia. 

"Non so bene cosa dire. Sono triste e siamo più soli - scrive in una nota l'assessore comunale al Sociale Pierfrancesco Majorino -. Franco non ce l’ha fatta. Se ne va un amico, una persona bellissima, un militante del sociale, un combattente dolce e innovativo. Ha fatto tanto per i diritti delle persone con disabilità. E ha fatto ancora di più per i diritti di tutte e di tutti. Ciao, Franco. Il tuo sorriso non finirà".

Gestiva un noto blog sul Corriere, 'Invisibili', dove dava voce alle difficoltà di chi è diversamente abile. Attivissimo sui social, aveva un profilo Facebook molto seguito. 

E' stato nei board di numerosi enti e associazioni di ricerca. Ha fondato periodici e mensili sulle tematiche della diversità/disabilità. Nel 2007, è stato nominato Cavaliere della Repubblica. Amava il calcio ed era tifosissimo nerazzurro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MilanoToday è in caricamento