Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca Gorla / Viale Monza

Trovato morto a Milano il dirigente scomparso nel nulla da Natale

Il suo corpo è stato trovato mercoledì pomeriggio in un appartamento in zona viale Monza

Il luogo del ritrovamento del cadavere e la vittima - Foto © Mesa MilanoToday

È stato trovato morto l'uomo di cinquantacinque anni - originario di Lecco ma da tempo residente a Giubiasco, in Svizzera - scomparso nel nulla dalla sera di Natale. Il corpo della vittima, dirigente di una multinazionale farmaceutica, è stato scoperto nel pomeriggio di martedì in una casa al primo piano del palazzo al civico 1 di via Pozzi a Milano. 

Sembra, stando alle primissime indiscrezioni trapelate dagli investigatori, che il cadavere sia stato trovato nella zona giorno di un bilocale in cui vive una prostituta colombiana transessuale, che riceve in quella casa. Non è noto perchè fosse lì e le circostanze del suo decesso. A dare l'allarme sarebbero stati due giovani fidanzati - conoscenti della colombiana -, che erano andati nell'abitazione perché preoccupati dal lungo silenzio dell'amica, che al momento non è stata rintracciata.

Una volta in casa, i due giovani - la ragazza aveva le chiavi dell'appartamento - avrebbero trovato sul pavimento il corpo dell'uomo, seminudo e sotto una coperta, accanto a una brandina. Hanno chiamato la polizia e poi sono stati portati in Questura per essere sentiti. L'abitazione era completamente al buio perché senza corrente elettrica, per quella ragione sono intervenuti anche i vigili del fuoco che hanno illuminato i due locali per permettere il lavoro degli investigatori.

Video | Trovato morto il manager scomparso

video morto maccari-2

Proprio all'angolo tra viale Monza e via Pozzi, il 29 dicembre scorso, era stata rintracciata l'auto del cinquantacinquenne, le cui ultime tracce risalivano al giorno di Natale. L'imprenditore, avevano raccontato i familiari e i quattro figli al momento della denuncia, aveva trascorso con loro il 24 e il 25 dicembre e poi era partito alla volta di Milano. 

Le giornate di festa passate insieme all'uomo, avevano assicurato i figli, erano state serene e fin da subito i ragazzi avevano escluso l'ipotesi di un allontanamento volontario. Il 30 dicembre, stando a quanto poi accertato, la vittima aveva un appuntamento a Giubiasco con la sua nuova compagna, una donna originaria della Francia, ma a quell'incontro non era mai arrivato. 

All'interno dell'auto la polizia non aveva trovato i suoi due cellulari - quello aziendale e quello personale -, che erano risultati spenti dalla sera della scomparsa. Nella vettura, lasciata a pochi metri dalla palazzina dove è stato trovato il corpo, c'erano invece il suo portatile e soprattutto alcune medicine che l'uomo avrebbe dovuto assumere costantemente. 

Nella sua casa svizzera, poi, la polizia cantonale non aveva trovato nulla di anomalo: né segni di scasso né di un recente passaggio del proprietario. 

In via Pozzi hanno lavorato a lungo gli agenti della Squadra Mobile di Milano. Sul posto è arrivato anche il capo, Lorenzo Bucossi. L'ipotesi più probabile è che il dirigente farmaceutico sia morto alcuni giorni fa per un malore - sul corpo non ci sono segni evidenti di violenza - e che la prostituta, forse spaventata, sia fuggita. Le indagini sono coordinate dal pm Valeria Sottosanti. Il corpo è stato messo a diposizione dell'autorità giudiziaria e sarà sottoposto all'autopsia. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovato morto a Milano il dirigente scomparso nel nulla da Natale

MilanoToday è in caricamento