menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Berna, foto da Instagram

Berna, foto da Instagram

Travolto da una valanga a Pizzo Del Diavolo: morto a 38 anni il ragno Matteo Bernasconi

Bernasconi, guida alpina esperta, ha perso la vita a causa di una valanga in Valtellina

Le ricerche si sono indirizzate subito verso il punto giusto. Ma purtroppo, nonostante il rapido e frenetico lavoro dei soccorritori, per lui non c'è stato nulla da fare. Matteo Bernasconi, 38enne guida alpina di Como, è stato trovato morto mercoledì mattina nel canale della Malgina, Pizzo del Diavolo, in Valtellina. 

Stando a quanto riferito dal soccorso alpino e speleologico Lombardia, Berna - come lo conoscevano tutti - è stato travolto martedì sera da una valanga. Il ritrovamento dell’auto all’imbocco della valle ha permesso di concentrare le ricerche nella zona giusta, ma soltanto nella mattinata successiva è stato possibile ultimare le operazioni e recuperare il corpo. 

Bernasconi nel 2003 era entrato a far parte del gruppo alpinistico "I ragni di Lecco", tanto che era stato soprannominato il ragno, e - raccontava lui stesso - "grazie al loro supporto ho iniziato a girare il mondo a scalare". Nel 2009 era diventato aspirante guida alpina e nel 2011 guida alpina, "facendo cosi diventare la mia passione una professione".

Lo scorso anno, insieme all'amico e collega Paolo Marazzi, aveva creato "Milano Adventure", una piattaforma meneghina nata per avvicinare quante più persone possibile alla montagna, organizzando escursioni, viaggi e attività all'aperto. Berna, che lascia una moglie e una figlia piccola, la montagna la amava, era tutto per lui: "Semplicemente - scriveva - mi piace andare in montagna e adoro il mio lavoro". 

"Ieri il nostro grande Berna ci ha lasciati - il ricordo dei Ragni -. In questo momento non abbiamo parole per esprimere il nostro cordoglio. Possiamo solo stringerci in un grande abbraccio alla sua famiglia e a tutti gli amici che hanno avuto l’onore di conoscerlo e di legarsi con lui in montagna". E i tanti che hanno avuto quell'onore hanno voluto lasciargli un ultimo saluto su Facebook, dove le lacrime e i pensieri dolci si alternano alle immagini di Berna in montagna. Tutte col sorriso stampato sul volto, perché quello non era un lavoro, ma il suo grande amore. 

Foto - Le operazioni di ricerca

ricerca valanga matteo bernasconi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

È stato creato un giardino zen in pieno centro a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento