menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marco, la vittima

Marco, la vittima

28enne morto in piscina: ferite alla testa compatibili con un tragico tuffo

Si attendono i risultati completi dell'autopsia

E' ancora presto per stabilire l'esatta causa della morte del ragazzo di 28 anni trovato senza vita nella notte tra il 18 e il 19 luglio all'interno della piscina comunale Sant'Abbondio di Milano, in zona Conca Fallata (Naviglio Pavese).

Tuttavia si apprende dai primi esiti dell'autopsia che le ferite alla testa di Marco Scarcella sarebbero compatibili con un colpo alla testa contro il fondo della vasca o contro il bordo. Dunque potrebbe essersi trattato di un tuffo in acqua. Secondo le risultanze, il 28enne avrebbe scavalcato insieme ad una ragazza la recinzione dell'impianto. Non si sa ancora, però, se il giovane sia morto per il colpo alla testa o per annegamento.

Gli investigatori, in attesa degli esiti completi dell'autopsia, hanno già ascoltato la ragazza che era con lui e anche alcuni testimoni. E stanno passando al setaccio le immagini delle videocamere di sorveglianza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Attualità

È stato creato un giardino zen in pieno centro a Milano

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Parte il vaccino per i lombardi con più di 65 anni: come prenotare

  • Attualità

    Per la Lombardia sarà l'ultima settimana in zona arancione?

  • Elezioni comunali 2021

    Albertini sempre più corteggiato dal centrodestra per sfidare Sala

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento