Morto improvvisamente Fabrizio Saccomanni, presidente di Unicredit ed ex ministro dell'Economia

Aveva 76 anni. La carriera in Banca d'Italia

Da Wikipedia

E' morto poche ore fa Fabrizio Saccomanni, banchiere ed economista. Il decesso è avvenuto giovedì 8 agosto mentre si trovava in vacanza in Sardegna. Saccomanni, 76enne, era nato a Roma nel 1942. Tra i suoi incarichi quello di ministro dell'Economia e, più recentemente, fino a oggi, presidente del consiglio d'amministrazione di Unicredit.

Saccomanni, laureatosi in economia all'Università Bocconi di Milano, dopo un corso post-laurea a Princeton (Usa) è entrato in Banca d'Italia, prima lavorando all'interno e poi come rappresentante di quell'istituzione nella Bce, nel Fondo Monetario Internazionale e in altri organismi internazionali.

Direttore generale di Banca d'Italia
Ministro dell'Economia

Nel 2006 è stato nominato direttore generale della Banca d'Italia, ruolo nel quale è stato riconfermato nel 2012. L'anno successivo ha accettato di entrare nel governo di Enrico Letta come ministro dell'Economia. Nel 2014, con il nuovo governo di Matteo Renzi, il suo posto è stato preso da Pier Carlo Padoan. Nel mese di aprile del 2018 è stato nominato presidente del consiglio d'amministrazione di Unicredit. 

Il giorno prima della morte, avvenuta improvvisamente, ha partecipato regolarmente alla conferenza stampa della presentazione del rapporto semestrale di Unicredit, a Milano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in viale Fulvio Testi: uomo travolto e ucciso dal tram della linea 31

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento