È morto Vittorio Zucconi, giornalista firma storica di Repubblica: "Il giornale piange"

È morto a 74 anni a Washington. Il commosso ricordo dei colleghi di Repubblica

Zucconi - Foto da Wikipedia

Lutto nel mondo del giornalismo italiano. Vittorio Zucconi, settantaquattro anni, è morto nella sua casa di Washington, dove si era trasferito nell'ormai lontano 1985. Il 74enne, storica firma di Repubblica, si è spento dopo una lunga malattia. 

A dare la triste notizia sono stati i suoi stessi colleghi, che lo hanno ricordato in un commosso articolo a firma Ezio Mauro

Viveva il giornalismo, non lo interpretava. E infatti il Vittorio privato, quello dell’amicizia, era uguale al suo ruolo pubblico. A cena, in redazione, nei viaggi, negli incontri ogni vicenda, qualsiasi fatto, tutti gli avvenimenti grandi o piccoli di cui si parlava per lui prendevano automaticamente il format del racconto, come se fossero pronti per essere scritti, o addirittura come se fossero avvenuti per finire nella rete del suo giornalismo. Che li reinterpretava rendendoli simbolici, o almeno emblematici, comunque esemplari.

Modenese di origine, era nato a Bastiglia, Zucconi si era trasferito in gioventù con la famiglia a Milano e aveva studiato al Parini. Lì - a conferma del fatto che fosse un predestinato - era diventato direttore del giornalino "La zanzara", dove aveva incontrato Walter Tobagi. Dopo la laurea in Lettere alla Statale, aveva iniziato a collaborare con "La notte" per poi passare a La Stampa, diventando corrispondente da Bruxelles e Washington. 

Quindi era arrivato il passaggio al Corriere, con la lunga esperienza a Mosca durante la Guerra fredda, prima del ritorno a La stampa per seguire il terrorismo rosso e il caso Moro. Poi era scoppiato l'amore con Repubblica, di cui era diventato prima corrispondente dall'America e poi direttore del sito. Stesso ruolo che, fino allo scorso anno, aveva occupato a Radio Capital. 

E proprio su Repubblica Ezio Mauro ha voluto salutarlo a suo modo: 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con la solita fame di giornale e con la malinconia della lontananza domanderebbe come sempre: cosa si dice in redazione? Oggi una cosa sola, Vittorio: che anche noi ti vogliamo bene, e il giornale piange senza di te.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: lockdown totale per Milano e la Lombardia? Fontana smentisce

  • Anche a Milano esplode la rabbia, rivolta anti Dpcm: molotov, bombe e assalto alla regione

  • Mara Maionchi ricoverata per coronavirus a Milano

  • Follia a Il Centro di Arese, fratelli aggrediscono i carabinieri: "Infame, adesso ti taglio la gola"

  • Coronavirus e coprifuoco Milano e Lombardia: si possono comprare alcolici ai supermercati dopo le 18

  • Coronavirus, ecco la nuova autocertificazione per uscire durante il coprifuoco in Lombardia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento