Cronaca

Cusago, un muro di terra per impedire gli accampamenti nomadi

Il comitato provinciale per l’ordine pubblico ha deciso di erigere un muro a Cusago, per proteggere un’area agricola dove un gruppo di sinti cerca di continuo di accamparsi. La struttura sarà finanziata con 400mila euro del fondo per la messa in sicurezza dei campi rom

Il comitato provinciale per l’ordine pubblico ha deciso di erigere un muro di terra a Cusago, per proteggere un’area destinata ad ospitare alcune imprese agricole da un gruppo di sinti che si accampano nella zona.

Ad annunciarlo il vice sindaco De Corato: “Si tratta di cittadini italiani residenti a Noto, in Sicilia, che si spostano per tutto il milanese, ma fanno base a Cusago. La questione è diventata di ordine pubblico e, in base ad una ordinanza che vieta il campeggio in pubblica via, continuiamo a allontanarli ma poi, inevitabilmente, ritornano” ha detto De Corato del gruppo di nomadi.

Il muro, il cui costo si aggirerà sui i 400mila euro, sarà finanziato con fondi del ministero dell’Interno per la messa in sicurezza dei campi nomadi. La costruzione servirà anche a proteggere una serie di alberi appena piantati, che poi saranno usati per delimitare l’area agricola in questione.

“Sono tutti residenti a Noto, dunque non è neanche nella nostra competenza trovare loro una sistemazione. In concomitanza con la presenza dei Sinti, nell'area di Cusago, vi è un aumento della microcriminalità, in particolare, furti” ha concluso De Corato.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cusago, un muro di terra per impedire gli accampamenti nomadi

MilanoToday è in caricamento