Il museo della moda di Giorgio Armani presto a Milano

Accordo tra il comune di Milano e lo stilista per valorizzare la moda, settore in continua crescita, con un museo nell'ex zona industriale dell'Ansaldo

Giorgio Armani

Giorgio Armani e il comune di Milano insieme per la moda e la cultura. Lo stilista, con l'approvazione del comune, ha deciso di dare nuova vita ad un immobile industriale dismesso in via Bergognone, per costruire un centro espositivo di moda, design e arte. Giorgio Armani ha deciso di mettere a disposizione dei milanesi e dei turisti, disegni, abiti ed esperienze di quasi quaranta anni di successo.

Lo spazio, infatti, ospiterà la collezione permanente di abiti, disegni, immagini realizzate dallo stilista, così come mostre d’arte tematiche temporanee legate alla moda, al design, alla creatività, con particolare attenzione alle nuove generazioni di stilisti e designer. Sono previsti anche spazi dedicati alla formazione, alla ricerca, allo studio, all’approfondimento e alla divulgazione della storia della moda e del costume.

Il nuovo spazio espositivo Armani è un tassello in più nel processo di cambiamento culturale avviato nell'ex area industriale dell'Ansaldo. Nella zona nascerà anche il "Museo delle Culture"  progettato da David Chipperfield per dare un volto ancora più internazionale alla città.

Saranno previste una serie di agevolazioni per i studenti universitari, le scuole elementari, medie inferiori e superiori e per gli over 65. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Coronavirus, tre donne cinesi con la febbre visitate al Sacco. Salta il Capodanno cinese

  • Margherita, Capricciosa e droga: arrestato titolare di una pizzeria, spacciava nel locale

  • Riapre corso Plebisciti: via libera alle auto dal 29 gennaio, come cambiano i mezzi Atm

  • Omicidio stradale, Michele Bravi chiede 1 anno e mezzo di reclusione come patteggiamento (pena sospesa)

Torna su
MilanoToday è in caricamento