Parla Graff, accoltellato nel quartiere ebraico: "Aggredito perché ebreo"

E' ancora ricoverato al Niguarda ma sta meglio

Nathan Graff

E' fuori pericolo Nathan Graff, il 40enne aggredito nel quartiere ebraico di Milano (viale San Giminiano) con diverse coltellate e poi ricoverato al Niguarda. L'uomo, che era riconoscibile per il suo abbigliamento, non ha dubbi: "Sono stato aggredito in quanto ebreo", ha affermato a chi gli ha parlato, precisando però di non considerare Milano "una città antisemita", tutt'altro.

Graff ha anche affermato di non avere paura e di sperare di rimettersi in sesto il più velocemente possibile. Dovrebbe restare in ospedale - nel reparto di chirurgia plastica - per circa una settimana. Ha descritto il suo aggressore come un uomo magro con occhiali, cappello e guanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

Torna su
MilanoToday è in caricamento