Cronaca

Le mani della 'ndrangheta sui canili: arrestate undici persone tra Milano e la Calabria

L'operazione della polizia è scattata nella mattinata di giovedì 21 giugno

Immagine repertorio

Tre persone in carcere, quattro agli arresti domiciliari e altre tre sottoposte all'obbligo di firma. Le accuse? Tentata estorsione e illecita concorrenza con minaccia e violenza, reati commessi con l'aggravante del ricorso al metodo mafioso, ovvero al fine di agevolare la 'ndrangheta, ma anche di turbata libertà degli incanti, intestazione fittizia di beni e truffa aggravata.

Blitz della polizia con le prime luci dell'alba di giovedì 21 giugno: gli agenti hanno messo a segno l'operazione "Happy dog", coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia della procura di Reggio Calabria, tra Milano, Reggio Calabria e altre province calabresi.

Durante l'inchiesta, sviluppata tra il 2014 e il 2016, gli investigatori avrebbero accertato l'infiltrazione della 'ndrangheta nel settore dei canili, svelando interessi di soggetti vicini alla cosca Zagari-Fazzalari-Viola di Taurianova, con conseguente condizionamento degli appalti indetti dal comune della piana di Gioia Tauro per l'assegnazione dei servizi di custodia e assistenza di cani randagi presso canili privati.

Durante le indagini sarebbero state accertate anche attività di concorrenza sleale attraverso campagne mediatiche denigratorie, oltre che a condotte intimidatorie ed estorsive nei confronti di alcuni imprenditori. Non solo: gli investigatori avrebbero scoperto anche il concorso di funzionari pubblici infedeli che adottavano comportamenti ostruzionistici nell'esercizio delle loro funzioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le mani della 'ndrangheta sui canili: arrestate undici persone tra Milano e la Calabria

MilanoToday è in caricamento