rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca

25 aprile: non c'è obbligo ma solo "consiglio" di tenere chiuso

Per il 25 aprile "sfuma" l'ordinanza che obbliga a tenere chiuse le saracinesche. Grande distribuzione tiene aperto, ma i sindacati proclamano sciopero. I dettagli

La giunta di Pisapia ha cercato fino all'ultimo di arrivare a un protocollo condiviso che stabilisse la chiusura dei negozi per 8 giorni, in deroga al decreto Salva Italia che prevede - tra l'altro - la liberalizzazione di orari e aperture. Coop, Federdistribuzione ma anche alcune associazioni minori di commercianti non ne hanno voluto sapere. E così il 25 aprile non ci sarà, a Milano, obbligo di chiusura dei negozi. Come prevede il decreto Salva Italia, la scelta è libera.

Terranno certamente aperto (alcuni solo al mattino) i supermercati e gli ipermercati. Più incerta la situazione per i negozi. Ascobaires (che riunisce i commercianti di corso Buenos Aires) e l'associazione analoga dei negozi della Galleria Vittorio Emanuele hanno già fatto sapere che non intendono rinunciare al giorno festivo infrasettimanale per fare buoni affari, dunque è presumibile che questi negozi terranno aperto.

Sfumata l'ipotesi di una ordinanza del sindaco che imponesse la chiusura: sarebbe stata movitabile solo per motivi di "ordine pubblico". E avrebbe avuto, come effetto, un mare di ricorsi al Tar.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

25 aprile: non c'è obbligo ma solo "consiglio" di tenere chiuso

MilanoToday è in caricamento