menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
De Angeli M1: saracinesche abbassate

De Angeli M1: saracinesche abbassate

Negozi in metrò, si cambia: presto entreranno i brand

Atm e comune vogliono far fruttare di più i negozi sotterranei e alzare i canoni. Ora 60 su 284 non pagano l'affitto. Ma serve il censimento degli spazi

Valorizzare gli spazi sotto le stazioni della metropolitana: per fare cassa, ovviamente, ma anche per rendere questi luoghi più attrattivi e accoglienti. I negozi ci sono, e sono ben 284. Ma a quanto pare, 60 sono "morosi". Secondo Alberto Rho di Atm, si tratta di un mancato introito di circa 1,2 milioni di euro. E comunque i canoni di affitto sono spesso piuttosto bassi. E come se non bastasse, 114 contratti di locazione commerciale sono in scadenza per il 30 luglio del 2014, ma non c'è tempo per un bando pubblico di riassegnazione.

La riassegnazione infatti ha bisogno che prima vi sia un censimento al catasto: e poiché quest'obbligo esiste dal 2010, il comune non l'ha ancora completato. Sono infatti in regola (riferisce il Giorno) soltanto le stazioni costruite successivamente.

L'ipotesi più probabile è che i 114 contratti in scadenza vengano prorogati finché non sarà stato completato il censimento. Poi il nuovo bando, che nelle intenzioni dell'amministrazione dovrebbe appunto portare a un "rimescolamento di carte" facendo entrare nelle stazioni anche i brand famosi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento