Cronaca Musocco / Via Landolfo II da Carcano

Parata neofascista al Cimitero Maggiore, Sala: "Vietate questo raduno"

Il sindaco chiede di impedire lo svolgimento della 'parata nera'

"Invito le autorità di competenza a vietare questo raduno". Queste le parole che il sindaco di Milano Beppe Sala ha twittato a commento della parata neofascista prevista per l'1 novembre al Cimitero Maggiore. Il primo cittadino si è appellato all'antifascismo del capoluogo lombardo chiedendo di impedire che la manifestazione organizzata da Lealtà e Azione e altre associazioni di estrema destra si svolga.

"Ancora una volta gruppi neofascisti propongono una commemorazione al Campo X del Cimitero Maggiore", prosegue Sala, definendo l'incontro neofascista "un gesto che non possiamo accettare". La parata nera dovrebbe tenersi giovedì 1° novembre per ricordare - come recita la locandina - "tutti i caduti morti per la patria".  

La reazione dell'Anpi

Dopo l'annuncio del raduno al Campo X, dove sono sepolti molti sostenitori della Repubblica di Salò, già l'Anpi aveva espresso il proprio dissenso, facendo appello alla risoluzione con cui il Parlamento Europeo aveva chiesto "a tutti i governi di mettere al bando le organizzazioni che si richiamano al fascismo e al nazismo", come si legge in una nota di Roberto Cenati, presidente della costola milanese di Anpi.

L'associazione dei partigiani aveva chiesto l'intervento delle istituzioni per "impedire che la nostra città venga nuovamente sfregiata da una parata nazifascista che offende le tradizioni antifasciste e democratiche di Milano" e aveva indetto una contro manifestazione, che il 31 ottobre, sempre al Cimitero Maggiore (al campo della Gloria) dovrebbe "rendere onore ai combattenti per la Libertà, agli oppositori politici al regime fascista, agli ebrei milanesi, ai lavoratori, ai militari deportati nei lager nazisti, che vi sono sepolti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parata neofascista al Cimitero Maggiore, Sala: "Vietate questo raduno"
MilanoToday è in caricamento