Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Rapimento di Eitan, il nonno indagato per sequestro di persona

Il piccolo è stato portato in israele

Striscione per Eitan (foto Ansa)

Il nonno materno di Eitan, Smhuel Peleg, è indagato dalla procura di Pavia per sequestro aggravato di persona. Due giorni fa ha portato il bimbo, sei anni, in Israele prelevandolo dalla casa della zia Aya Biran, tutrice legale dopo la morte di entrambi i genitori nella tragedia del Mottarone, lo scorso maggio. Secondo quanto emerso, Peleg ha organizzato un vero e proprio blitz con la scusa di fargli fare un giro, probabilmente con la complicità di alcune persone su cui indaga ora la procura pavese.

Il nonno avrebbe portato in Israele il bambino servendosi di un jet privato probabilmente partito da Lugano. Alcune fonti media israeliane citano un parere del Ministero degli Esteri israeliano secondo cui Eitan dovrebbe essere restituito all'Italia ma, al momento, non vi è conferma ufficiale di questo parere. Intanto i legali di Biran stanno attivando le procedure della Convenzione dell'Aja sulla sottrazione internazionale di minori.

"Spero che il piccolo Eitan non subisca ulteriori traumi", il commento di Attilio Fontana, governatore della Lombardia, raccolto nella mattinata di lunedì 13 settembre durante una visita alla Fondazione Clerici di Milano per il primo giorno di scuola: "È difficile intervenire sulla vicenda del piccolo Eitan poiché si tratta di questioni familiari. Auspico però che questo bambino, che ha subíto dei traumi indicibili, non ne subisca altri e che possa vivere la sua normalità con serenità", ha commentato il presidente della Lombardia.

Eitan, unico sopravvissuto della terribile tragedia sulla funivia Stresa-Mottarone, è rimasto ricoverato per diversi giorni e infine dimesso una volta che le sue condizioni sono migliorate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapimento di Eitan, il nonno indagato per sequestro di persona

MilanoToday è in caricamento