menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il defibrillatore rubato

Il defibrillatore rubato

Novate, ladro ruba un defibrillatore: "Verrà il giorno in cui un tuo caro ne avrà bisogno"

Rubato per la terza volta il defibrillatore. "L'appello" al ladro sul gruppo social della città

Un gesto vile. Un furto senza senso e insopportabile. Rabbia social a Novate Milanese, dove ignoti hanno rubato un defibrillatore pubblico che era sistemato in strada, spaccando il vetro esterno della colonnina e lasciando dei graffiti sul "contenitore". A denunciare l'accaduto, con un lungo "post appello" sul gruppo social cittadino, è stato Davide, un agente della Locale che ha deciso di rivolgersi direttamente al ladro - o ai ladri -, sperando in una sua redenzione. 

"Ora stammi bene a sentire, mi rivolgo a te che hai compiuto questo sacrilegio. Verrà forse un giorno in cui un tuo caro, non tu perché non potrai rendertene conto, starà male e che dovrà avere bisogno proprio di quello strumento. Spero proprio che quella persona che tu ami tanto, perché anche la creatura più crudele e viscida di questa terra ama qualcuno, sarà poi proprio salvata da quell’apparecchio che tu così malvagiamente hai deciso di sottrarre per un tuo lucro personale", ha scritto l'uomo.
 
"Ebbene spero vivamente che quello strumento gli salvi poi la vita, ma mi auguro davvero che gli attimi di terrore e disperazione che proverai siano per te quelli più terribili e terrificanti della tua vita. In quei momenti spero che la paura ed il terrore che ti soffocheranno al punto di farti mancare l’aria ti facciano davvero capire la gravità di ciò che hai fatto", ha proseguito l'agente, che ha anche spiegato che è la terza volta che si verifica un furto del genere.

"Spero davvero che il tuo caro possa poi essere davvero salvato proprio da quell’apparecchio, così che in futuro la sua presenza possa poi rigenerare quotidianamente il tuo rimorso ed il suo sguardo sorridente ti faccia provare del vero e proprio terrore, perché sarai consapevole che qualcun altro, prima o poi, sarà costretto a soccombere perché non potrà disporre di quello strumento che tu hai così vigliaccamente e subdolamente rubato. Se mi stai leggendo medita su ciò che ho scritto, ripara il tuo errore e restituisci immediatamente ciò che hai rubato. Forse solo così - ha concluso - potrai riscattarti e forse dare un senso alla tua miserabile vita".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento