rotate-mobile
Cronaca

Scuola, al via le occupazioni. Tensione al Leonardo

Allo scientifico del centro la preside si oppone: "Siete fascisti". E accusa: "Ho autorizzato le loro richieste, non hanno motivo per occupare la scuola"

Anche l'autunno 2012 è scandito da autogestioni e occupazioni in vari istituti superiori milanesi. Circa una settimana fa, ad esempio, gli studenti del liceo artistico Hajech (corso XXII marzo) hanno bloccato l'entrata e fatto passare solo i coetanei, per un'assemblea straordinaria in cortile che ha approvato l'occupazione.

Qualche giorno fa è stata invece la volta dello scentifico Allende in via Ulisse Dini. Le proteste fanno riferimento soprattutto alla politica di "austerity" del governo.

Lunedì pomeriggio invece ci sono state tensioni allo scientifico Leonardo da Vinci, in pieno centro. Ma la preside, Maria Concetta Guerrera, ha cercato di impedire quella che ha definito una "vera e propria invasione", facendo riferimento a elementi estranei alla scuola: "Ho chiamato la Digos quando mi sono accorta che non c'erano solo studenti del Leonardo".

La preside, che ha chiamato "fascisti" senza mezzi termini i ragazzi e ha cantanto "Bella ciao" mentre loro spintonavano e premevano per entrare, ha poi spiegato che i suoi studenti "non hanno motivo per occupare: hanno chiesto l'assemblea e gli spazi autogestiti, e ho autorizzato tutto. La mia porta è sempre aperta".

Nel frattempo sono arrivate poi le scuse di alcuni studenti alla preside.

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, al via le occupazioni. Tensione al Leonardo

MilanoToday è in caricamento