Residence di via Oglio, gli occupanti abusivi promettono di liberare l'immobile

Dopo un incontro con il Comune, l'accordo a lasciare le abitazioni entro il 6 settembre

Residence Aldo Dice (da www.cub.it)

Gli occupanti del residence sociale 'Aldo Dice 26 x 1' di via Oglio 8 si sono impegnati a liberare l'immobile il 6 settembre. Questo il risultato dell'incontro, avvenuto il 27 agosto, tra l’amministrazione comunale, rappresentata dalla vicesindaco Anna Scavuzzo e dagli assessori Pierfrancesco Majorino (politiche sociali) e Gabriele Rabaiotti (lavori pubblici e casa), e una delegazione degli inquilini del residence. Il comune ha invece ribatito che garantirà tutele ai più deboli.

All'incontro hanno preso parte anche rappresentanti dell’organizzazione sindacale Unione inquilini e i consiglieri comunali Alessandro Giungi e Paolo Limonta. La vicesindaco Scavuzzo e gli assessori Majorino e Rabaiotti hanno commentato così l'incontro con gli inquilini: "È stato positivo. C’è l’impegno da parte degli occupanti a liberare l’immobile il 6 settembre, giorno fino al quale è stata prorogata la fornitura della corrente elettrica. Da domani partirà il lavoro di un tavolo tecnico congiunto tra gli Assessorati alla Casa e alle Politiche sociali al fine di valutare le singole situazioni degli occupanti presenti al momento del censimento effettuato nei giorni scorsi dagli operatori del Comune incaricati. Il nostro impegno è di dare risposta a chi, senza casa, si trova a vivere in una situazione sociale ed economica di particolare fragilità o debolezza”.

Il residence sociale di via Oglio 8 era stato occupato abusivamente nel luglio del 2016 dai militanti e attivisti della residenza sociale 'Aldo Dice 26 x 1' di Sesto San Giovanni, dalla quale erano stati sfrattati. Prima di allora l'edificio, che inizialmente era stato pensato come uno studentato, era rimasto vuoto per otto anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento